Report

CONTROLLI CITES

Immagine abstract
Abstract: 
L’indicatore evidenzia il numero e l’esito dei controlli effettuati per verificare il rispetto della Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES - Convention on International Trade in Endangered Species of wild fauna and flora). Dall'esame dei dati si rileva che gli illeciti totali accertati nel 2018 sono stati 992 (494 penali e 498 amministrativi), in deciso aumento rispetto al 2017, in cui ne sono stati registrati 206 e agli anni precedenti. Infatti, tra il 2010 e il 2017 la media annua di illeciti è stata di 334. Cresce notevolmente nel 2018 anche l’importo delle sanzioni, pari a 5.823.780 euro, contro una media annua di circa 611.000 euro tra il 2010 e il 2017.
Descrizione: 
L’indicatore evidenzia il numero e l’esito dei controlli effettuati dai Nuclei Operativi CITES (NOC) del CUFA-Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari dell'Arma dei Carabinieri (prima CFS) per verificare il rispetto della Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (CITES - Convention on International Trade in Endangered Species of wild fauna and flora).
Scopo: 
Evidenziare alcune delle azioni svolte dall’Italia a tutela della biodiversità anche a livello internazionale.
Rilevanza: 
È di portata nazionale oppure applicabile a temi ambientali a livello regionale ma di significato nazionale
È in grado di descrivere il trend senza necessariamente fornire una valutazione dello stesso
È semplice, facile da interpretare
Fornisce un quadro rappresentativo delle condizioni ambientali, delle pressioni sull’ambiente o delle risposte della società, anche in relazione agli obiettivi di specifiche normative
Fornisce una base per confronti a livello internazionale
Misurabilità: 
Adeguatamente documentati e di fonte nota
Aggiornati a intervalli regolari e con procedure affidabili
Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
Un’ “adeguata” copertura spaziale
Un’ “idonea” copertura temporale
Solidità: 
È ben fondato in termini tecnici e scientifici
Presenta attendibilità e affidabilità dei metodi di misura e raccolta dati
Comparabilità nello spazio
Riferimenti normativi: 
Convenzione di Washington sul commercio internazionale delle specie di fauna e flora selvatiche minacciate di estinzione (comunemente conosciuta come CITES-Convention on International Trade of Endangered Species) sottoscritta a Washington il 3/3/1973, emendata a Bonn, il 22/6/1979.
Regolamenti Comunitari in materia: Regolamento (CE) 338/1997 consolidato nel 04/02/2017; Reg.(CE) 865/2006; Reg.(CE) 100/2008; Reg.(UE) 791/2012; Reg. di esecuzione (UE) 792/2012; Reg.(UE) 57/2015; Reg.(UE) 870/2015; Reg.(UE) 2017/160; Reg.(UE) 2019/220; Reg. di esecuzione (UE) 2019/1587.
Normativa Nazionale: Legge n.150 del 7/2/1992 (Disciplina dei reati relativi all'applicazione in Italia della Convenzione sul commercio internazionale delle specie animali e vegetali in via di estinzione) modificata dalla Legge n. 59 del 1993, dalla Legge n. 426 del 1998 e dal Decreto legislativo n. 275/2001 (testo consolidato Legge 150/1992).
Decreti del Ministero dell’Ambiente (https://www.minambiente.it/pagina/cites-convenzione-di-washington-sul-commercio-internazionale-delle-specie-di-fauna-e-flora) tra cui Decreti del 19/4/1996, 26/4/2001 e del 08/01/2002.
Obiettivi fissati dalla normativa: 
La Comunità Europea ha recepito la Convenzione CITES con Regolamenti Comunitari. L’Italia disciplina i reati relativi all'applicazione della CITES con la propria legislazione nazionale che prevede alcune misure più restrittive rispetto a quelle previste dalla Convenzione o dai Regolamenti. Le violazioni sono punite nel nostro paese con sanzioni che vanno dall’ammenda all’arresto nei casi più gravi e comportano il sequestro e la confisca degli esemplari o dei prodotti CITES.
DPSIR: 
Risposta
Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)
Riferimenti bibliografici: 
-
Limitazioni: 
Il numero di controlli totali effettuati non è confrontabile all’interno della serie di dati (2010-2018) poiché a partire dal 2017 non sono disponibili il numero di controlli svolti in ambito doganale.
Ulteriori azioni: 
-
Frequenza rilevazione dati: 
Annuale
Accessibilità dei dati di base: 
Dati da richiedere al Raggruppamento CITES del CUFA (Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari) dell'Arma dei Carabinieri (in cui è confluito il Corpo Forestale dello Stato dal 1° gennaio 2017).
Fonte dei dati di base: 
CFS (Corpo Forestale dello Stato)
CUFA - Comando Unità Forestali Ambientali e Agroalimentari dell'Arma dei Carabinieri
CUTFAA dell'Arma dei Carabinieri
Unità di misura: 
Euro (€), Numero (n.)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
Dati ordinati in tabelle ed elaborati graficamente con programma Excel.
Core set: 
SDGs Indicators
Tipo rappresentazione: 
Grafico
Tabella
Periodicità di aggiornamento: 
Annuale
Copertura spaziale: 
Nazionale
Copertura temporale: 
2010-2018
L'informazione utilizzata per il popolamento dell'indicatore costituisce un dato molto importante ai fini della rappresentazione delle azioni svolte dall’Italia a tutela della biodiversità anche in ambito internazionale. Presenta una buona affidabilità, validazione e un'ottima comparabilità nello spazio.
Stato: 
Medio
Trend: 
Negativo
Descrizione dello stato e trend: 
Dall'esame dei dati sulle attività di controllo svolte in applicazione della CITES nel 2018 si registra un forte aumento del numero di illeciti e delle sanzioni (Figura 1).
Gli illeciti totali accertati nel 2018 sono stati 992, di cui 494 penali e 498 amministrativi (Tabella 1), in deciso aumento rispetto al 2017, in cui sono stati 206. Il trend è in forte aumento anche rispetto agli anni precedenti, poiché tra il 2010 e il 2017 la media è stata di 334 illeciti annui. Cresce notevolmente nel 2018 anche l’importo delle sanzioni, pari a 5.823.780 euro, contro una media annua di circa 611.000 euro, tra il 2010 e il 2017.
Commenti: 
Nel 2018 i sequestri sono scesi a 485, contro gli 8.868 del 2017 (Tabella 1). Tali numeri si riferiscono a sequestri di animali e piante vivi, di corpi, prodotti e derivati animali e vegetali, nonché di altre categorie (avorio, conchiglie, coralli, legname, caviale, medicinali).
Allegati: 
AllegatoDimensione
Office spreadsheet icon Figura 1_CITES_ADA2019.xls46.5 KB
Office spreadsheet icon Tabella 1 CITES_ADA2019.xls30.5 KB
Image icon Figura_1.jpg26.18 KB