NUMERO DI PARERI PREVENTIVI E DI INTERVENTI DI CONTROLLO SU SORGENTI DI CAMPI RF E MO

Autori: 
Gabriele Bellabarba, Maria Logorelli,
Immagine abstract
Abstract: 
L'indicatore descrive l'attività svolta dalle ARPA/APPA in termini di pareri preventivi e di controlli effettuati con strumenti di misura, sulle sorgenti ad alta frequenza (RF), distinte tra impianti radiotelevisivi (RTV) e stazioni radiobase per la telefonia mobile (SRB). Da quest'anno sono state introdotte delle informazioni relative al numero di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte dalle ARPA/APPA in prossimità di impianti RTV e SRB e ai valori di campo elettrico in presenza di tali sorgenti elettromagnetiche. Analizzando il trend relativo al numero di pareri preventivi e dei controlli sperimentali RTV e SRB effettuati nel periodo 2008-2018 sul territorio si evidenzia quanto segue. Per le RTV si registra una consistente crescita dei pareri preventivi dal 2008 al 2011 (+158%) probabilmente in relazione al passaggio dalla tecnologia analogica a quella digitale, e successiva diminuzione fino al 2018 (-70%). Per le SRB invece, ad eccezione del 2009, si nota una costante crescita dei pareri preventivi dal 2008 fino al 2015 (+121%).Relativamente ai controlli sperimentali, si evidenzia per gli RTV un andamento piuttosto variabile dal 2008 al 2011 per poi diminuire gradualmente fino al 2018 (-39%); per le SRB invece il numero di controlli è rimasto pressoché invariato.
Descrizione: 
L'indicatore descrive l'attività svolta dalle ARPA/APPA in termini di pareri preventivi e di controlli effettuati con strumenti di misura, sulle sorgenti ad alta frequenza (RF), distinte tra impianti radiotelevisivi (RTV) e stazioni radiobase per la telefonia mobile (SRB). Sono anche trattate delle informazioni relative al numero di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte dalle ARPA/APPA in prossimità di impianti RTV e SRB e ai valori di campo elettrico presenti in ambiente in presenza di tale tipologia di sorgenti elettromagnetiche.
Scopo: 
Quantificare la risposta alla domanda della normativa per quanto riguarda l'attività di controllo e vigilanza sugli impianti a radiofrequenza RF (RTV e SRB).
RILEVANZA - L'indicatore: 
È semplice, facile da interpretare
È sensibile ai cambiamenti che avvengono nell’ambiente e/o delle attività antropiche
Fornisce un quadro rappresentativo delle condizioni ambientali, delle pressioni sull’ambiente o delle risposte della società, anche in relazione agli obiettivi di specifiche normative
MISURABILITÀ - I dati utilizzati per la costruzione dell’indicatore sono/hanno: 
Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
Un’ “adeguata” copertura spaziale
Un’ “idonea” copertura temporale
SOLIDITÀ - L'indicatore: 
È ben fondato in termini tecnici e scientifici
Comparabilità nel tempo
Comparabilità nello spazio
Riferimenti normativi: 
Legge quadro n. 36/2001e DPCM 8/07/2003 (RF) e s.m.i.; D.Lgs. 259/2003 e s.m.i.
Obiettivi fissati dalla normativa: 
L'attività di controllo, in fase autorizzativa e di esercizio dell'impianto, è finalizzata al rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualità per la protezione della popolazione definiti dal DPCM 08/07/03 e s.m.i. Il D.Lgs. 259/2003 e s.m.i è l'attuale riferimento normativo che regolamenta gli iter autorizzatori relativi agli impianti di teleradiocomunicazione.
DPSIR: 
Risposta
Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)
Riferimenti bibliografici: 
Annuario dei dati ambientali (ISPRA), Reports tematici (ISPRA)
Limitazioni: 
Le informazioni relative all’attività di controllo svolta dalle ARPA/APPA hanno ovviamente una maggiore copertura spaziale e temporale rispetto a quelle relative al numero di impianti/servizi e siti RTV/SRB che non sono direttamente gestite dalle succitate Agenzie e che sono fornite dai gestori degli impianti in oggetto. Permangono comunque delle criticità legate in questo caso essenzialmente alla disponibilità di strumenti di raccolta dati a livello locale (database, catasti) e scarsità di risorse umane interne alle ARPA/APPA dedicate a questa attività di raccolta metadati.
Ulteriori azioni: 
Azioni sinergiche da parte dei soggetti coinvolti nel cercare di supportare il flusso di informazioni con idonei strumenti normativi e con attività mirate all'analisi delle criticità sopra menzionate al fine di fare luce sulle problematiche e proporre soluzioni per dare maggiore uniformità e completezza al dato a livello nazionale.
Frequenza rilevazione dati: 
Annuale
Accessibilità dei dati di base: 
http://agentifisici.isprambiente.it
Fonte dei dati di base: 
ARPA/APPA (Agenzie Regionali e delle Province Autonome per la Protezione dell'Ambiente)
Osservatorio CEM
Unità di misura: 
Numero (n.)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
Calcolo del numero complessivo dei controlli per gli impianti RTV, per le SRB sul territorio nazionale.
Calcolo del numero complessivo dei pareri preventivi per gli impianti RTV, per le SRB sul territorio nazionale.
Core set: 
7EAP - Dati sull'ambiente
Tipo rappresentazione: 
Grafico
Tabella
Periodicità di aggiornamento: 
Annuale
Copertura spaziale: 
16/20
Copertura temporale: 
2008-2018
L'indicatore presenta informazioni che coprono una buona parte del territorio nazionale, con una serie temporale relativa a più di cinque anni. È di facile interpretazione, quindi ha una buona rilevanza e utilità. Infine anche la solidità scientifica è buona in quanto non si sono avuti cambiamenti che hanno influito sulle metodologie di calcolo.
Stato: 
Buono
Trend: 
Positivo
Descrizione dello stato e trend: 
Considerando i dati forniti dai referenti ARPA/APPA per il 2018 (Tabelle 1 e 2), si evidenzia che, per gli impianti SRB, il numero di pareri preventivi emessi e di controlli sperimentali effettuati (pari rispettivamente a 13.552 e 2.958) sono ampiamente superiori a quelli relativi agli impianti RTV (pari rispettivamente a 639 e 481). Dei controlli sperimentali effettuati su impianti SRB, il 28% risulta effettuato su richiesta dei cittadini; mentre per gli impianti RTV i controlli effettuati su richiesta dei cittadini sono il 27% dei controlli sperimentali totali. La percezione del rischio da parte della popolazione nei confronti dei campi elettromagnetici emessi da queste due tipologie di sorgente risulta ancora rilevante in entrambi i casi considerate le simili percentuali di controlli effettuati su richiesta dei cittadini. Analizzando il trend nel periodo 2008-2018 si evidenzia quanto segue per le RTV una consistente crescita dei pareri preventivi dal 2008 al 2011 (+158%) probabilmente in relazione al passaggio dalla tecnologia analogica a quella digitale per poi diminuire notevolmente fino al 2018 (-70%) (Figura 1).
Per le SRB invece, ad eccezione dell’anno 2009, si nota una costante crescita dei pareri preventivi rilasciati dalle ARPA/APPA dal 2008 fino al 2015 (+121%). Nel 2016 si riscontra una diminuzione degli stessi (-23%) presumibilmente anche in conseguenza alle semplificazioni autorizzative introdotte dall'attuale normativa (Figura 2). Relativamente ai controlli sperimentali, si rileva per gli RTV un andamento piuttosto variabile dal 2008 al 2011 per poi diminuire gradualmente fino al 2018 (-39%); per le SRB invece il numero di controlli è rimasto pressoché invariato (Figura 1 e Figura 2).
In Figura 3 vengono riportati in percentuale i controlli RTV effettuati dalle ARPA/APPA su esposto dei cittadini rispetto ai controlli totali effettuati e si nota un andamento generalmente decrescente dal 52% al 20%. In Figura 4 vengono riportati in percentuale i controlli SRB effettuati dalle ARPA/APPA su esposto dei cittadini rispetto ai controlli totali effettuati e si nota che tale percentuale aumenta notevolmente dal 2008 al 2012, passando dal 7% al 52%, per poi decrescere gradualmente fino al 2018 raggiungendo il 23%. Al fine di valutare i livelli di campo elettrico presenti in ambiente in presenza di impianti RTV e SRB sono stati raccolti a livello regionale i risultati delle misurazioni effettuate durante l’attività di controllo svolta nel 2018 dalle varie ARPA/APPA. Tali risultati vengono espressi in termini di percentuali di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio effettuate nel 2018 con valori di campo elettrico compresi nei quattro intervalli < 3 V/m, 3-6 V/m, 6-20 V/m, ≥ 20 V/m. Questa informazione fornisce un ulteriore interessante confronto tra le due diverse tipologie di sorgenti elettromagnetiche (RTV e SRB) in termini di valori di campo elettrico immessi nell'ambiente. Dalle Tabelle 3 e 4, considerando le regioni che hanno fornito il dato aggiornato e completo per entrambe le tipologie di sorgenti elettromagnetiche (Valle d’Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Puglia e Basilicata) emerge che per gli impianti RTV generalmente si rilevano valori maggiori di campo elettrico immessi in ambiente rispetto alle SRB. Gli impianti RTV risultano avere un impatto maggiore rispetto alle SRB. L’informazione relativa ai livelli di campo generati in ambiente dalle sorgenti elettromagnetiche trattate è di recente introduzione nell’Osservatorio CEM di ISPRA; tra qualche anno sarà possibile osservare il trend per poter fornire interessanti informazioni sull’evoluzione del fenomeno. È evidente che nelle regioni dove è stato effettuato un numero maggiore di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio l’informazione relativa ai livelli di campo elettrico presenti in ambiente è maggiormente rappresentativa della realtà territoriale di riferimento (Tabelle 5 e 6).
Commenti: 
Le regioni che hanno fornito il dato completo relativo a pareri preventivi e controlli sperimentali nel 2018 per entrambe le tipologie di sorgente RTV e SRB risultano essere 14 (Piemonte, Valle d'Aosta, Lombardia, Trentino-Alto Adige, Friuli- Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbra, Marche, Puglia, Basilicata, Sicilia e Sardegna).
Le particolarità che caratterizzano di anno in anno l’attività di controllo e di valutazione preventiva condotta dalle ARPA/APPA dipendono da numerosi fattori quali ad esempio le attività di studio e analisi condotte sul territorio, presenza di situazioni critiche da monitorare, percezione del rischio da parte della popolazione, sviluppi normativi che disciplinano i procedimenti autorizzatori degli impianti in oggetto e la relativa attività di valutazione preventiva da parte delle ARPA/APPA. Relativamente a questo ultimo aspetto occorre sottolineare infatti che il recente sviluppo tecnologico che negli ultimi otto anni ha riguardato il settore delle telecomunicazioni ha comportato la necessità di modificare un quadro normativo nazionale sotto certi aspetti obsoleto e adattarlo alle nuove tecnologie emergenti. Sono state quindi introdotte delle semplificazioni degli iter autorizzatori relativi agli impianti SRB che hanno snellito il processo di controllo (pre installazione nuovo impianto /modifica impianto esistente) delle ARPA/APPA, non rendendo necessario in alcuni casi (in relazione al tipo di tecnologia, alle caratteristiche dimensionali, alle caratteristiche elettriche etc…) il parere preventivo rilasciato dalle stesse Agenzie.
  • Titolo Tabella 2: Pareri e controlli per impianti SRB in Italia (2018)
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)
    Legenda a Nei controlli sperimentali i valori tra parentesi indicano quelli effettuati su richiesta, laddove tale informazione è disponibile. b Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale. c Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo. nd: dato non disponibile. * il dato non copre tutto il territorio regionale

    Regione/ Provincia autonoma Pareri preventivi Controlli sperimentali a Totale controlli e pareri
    n.
    Piemonte 1766 167(18) 1933
    Valle d'Aosta 101 81(8) 182
    Lombardia 2484 74(55) 2558
    Trentino-Alto Adige 269 56(37) 325
    Bolzano-Bozen 126 3(3) 129
    Trento 143 35(29) 178
    Veneto 1780 125(31) 1905
    Friuli-Venezia Giulia 249 194(11) 443
    Liguria 610 564(33) 1174
    Emilia-Romagna 1097 279(212) 1376
    Toscana 860 64(0) 924
    Umbria 157 44(27) 201
    Marche 342 134(134) 476
    Lazio 2014 172(169) 2186
    Abruzzob nd nd nd
    Moliseb nd nd nd
    Campania* 816 147(27) 963
    Puglia 400 583(17) 983
    Basilicata 215 215(0) 430
    Calabria* 548 195(30) 743
    Sicilia 891 203(77) 1094
    Sardegna 317 3(3) 320
    ITALIAc 13,552 2958(832) 16,510
  • Titolo Tabella 3 Percentuali di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte in presenza di impianti RTV nell'anno 2018 con valori di campo elettrico suddivisi nei quattro intervalli < 3 V/m, 3-6V/m, 6-20 V/m, ≥ 20 V/m
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)
    Legenda a Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale.* il dato non copre tutto il territorio regionale. nd: dato non disponibile

    Regione Percentuali di misure manuali in banda larga Percentuali campagne di monitoraggio
    E< 3V/m 3 ≤ E < 6 V/m 6 ≤ E< 20V/m E ≥ 20 V/m E< 3V/m 3 ≤ E < 6 V/m 6 ≤ E< 20V/m E ≥ 20 V/m
    Piemonte nd nd nd nd nd nd nd nd
    Valle d'Aosta 93 6 1 0 67 33 0 0
    Lombardia 43 31 26 0 50 33 17 0
    Trentino-Alto Adige
    Bolzano-Bozen nessuna misurazione nessun monitoraggio
    Trento 56 33 10 1 25 63 12 0
    Veneto nd nd nd nd nd nd nd nd
    Friuli Venezia Giulia 78 16 6 0 nessun monitoraggio
    Liguria nd nd nd nd nd nd nd nd
    Emilia Romagna 65 26 9 0 50 25 25 0
    Toscana 83 11 6 0 nessun monitoraggio
    Umbria 57 28 15 0 67 0 33 0
    Marche 91 9 0 0 nessun monitoraggio
    Lazio nd nd nd nd nd nd nd nd
    Abruzzo 80 20 0 0 nd
    Molisea nd nd nd nd nd nd nd nd
    Campania* nd nd nd nd nd nd nd nd
    Puglia 53 42 5 0 0 100 0 0
    Basilicata 80 19 0 1 99 1 0 0
    Calabria* nd nd nd nd nd nd nd nd
    Sicilia 27 52 21 0 nd nd nd nd
    Sardegna 80 0 20 0 nd nd nd nd
  • Titolo Tabella 4 Percentuali di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte in presenza di impianti SRB nell'anno 2018 con valori di campo elettrico suddivisi nei quattro intervalli < 3 V/m, 3-6V/m, 6-20 V/m, ≥ 20 V/m
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)
    Legenda a Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale.* il dato non copre tutto il territorio regionale. nd: dato non disponibile

    Regione Percentuali di Misure manuali in banda larga Percentuali campagne di monitoraggio
    E< 3V/m 3 ≤ E < 6 V/m 6 ≤ E< 20V/m E ≥ 20 V/m E< 3V/m 3 ≤ E < 6 V/m 6 ≤ E< 20V/m E ≥ 20 V/m
    Piemonte nd nd nd nd nd nd nd nd
    Valle d'Aosta 96 3 1 0 77 23 0 0
    Lombardia 92 7 1 0 56 39 5 0
    Trentino-Alto Adige
    Bolzano-Bozen 100 0 0 0 100 0 0 0
    Trento 70 25 5 0 63 25 12 0
    Veneto nd nd nd nd nd nd nd nd
    Friuli Venezia Giulia 97 2 1 0 100 0 0 0
    Liguria nd nd nd nd nd nd nd nd
    Emilia Romagna 92 7 1 0 81 14 5 0
    Toscana 83 11 6 0 83 17 0 0
    Umbria 91 6 3 0 nessun monitoraggio
    Marche 95 5 0 0 nessun monitoraggio
    Lazio nd nd nd nd nd nd nd nd
    Abruzzoa 73 27 0 0 nessun monitoraggio
    Molisea nd nd nd nd nd nd nd nd
    Campania* 81 14 4 1 nessun monitoraggio
    Puglia 92 7 1 0 100 0 0 0
    Basilicata 80 20 0 0 90 10 0 0
    Calabria* nd nd nd nd nd nd nd nd
    Sicilia 79 15 6 0 nd nd nd nd
    Sardegna 100 0 0 0 100 0 0 0
  • Titolo Tabella 5: Numero di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte in presenza di impianti RTV nell'anno 2018
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA, Osservatorio CEM
    Legenda a Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale. b Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo. * il dato non copre tutto il territorio regionale. nd: dato non disponibile

    Regione Misure manuali in banda larga Campagne di monitoraggio
    n. n.
    Piemonte 350 54
    Valle d'Aosta 177 3
    Lombardia 171 6
    Trentino-Alto Adige 224 8
    Bolzano-Bozen 0 0
    Trento 224 8
    Veneto nd 17
    Friuli Venezia Giulia 205 0
    Liguria 157 nd
    Emilia Romagna 99 16
    Toscana 511 0
    Umbria 54 3
    Marche 32 0
    Lazio nd nd
    Abruzzo 20 nd
    Molisea nd nd
    Campania* 154 1
    Puglia 205 1
    Basilicata 225 0
    Calabria* 48 0
    Sicilia 104 4
    Sardegna nd nd
    ITALIAb 2,357 95
  • Titolo Figura 1: Numero pareri preventivi e controlli sperimentali effettuati su impianti RTV
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)

    Note Per il trend sopra citato sono state considerate le regioni/province autonome che hanno fornito il dato completo per l’arco temporale 2008-2018 per entrambe le tipologie di sorgente RTV e SRB e sia quelle per le quali è stato possibile integrare le informazioni mancanti riportando quelle utili dell’anno precedente o, in mancanza di queste, quelle del primo anno successivo disponibile
  • Titolo Figura 2: Numero pareri preventivi e controlli sperimentali effettuati su impianti SRB
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)

    Note Per il trend sopra citato sono state considerate le regioni/province autonome che hanno fornito il dato completo per l’arco temporale 2008-2018 per entrambe le tipologie di sorgente RTV e SRB e sia quelle per le quali è stato possibile integrare le informazioni mancanti riportando quelle utili dell’anno precedente o, in mancanza di queste, quelle del primo anno successivo disponibile
  • Titolo Figura 3: Numero controlli sperimentali effettuati su esposto dei cittadini e non su esposto dei cittadini su impianti RTV
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)

    Note Per il trend sopra citato sono state considerate le regioni/province autonome che hanno fornito il dato completo per l’arco temporale 2008-2018 per entrambe le tipologie di sorgente RTV e SRB e sia quelle per le quali è stato possibile integrare le informazioni mancanti riportando quelle utili dell’anno precedente o, in mancanza di queste, quelle del primo anno successivo disponibile
  • Titolo Figura 4: Numero controlli sperimentali effettuati su esposto dei cittadini e non su esposto dei cittadini su impianti SRB
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)

    Note Per il trend sopra citato sono state considerate le regioni/province autonome che hanno fornito il dato completo per l’arco temporale 2008-2018 per entrambe le tipologie di sorgente RTV e SRB e sia quelle per le quali è stato possibile integrare le informazioni mancanti riportando quelle utili dell’anno precedente o, in mancanza di queste, quelle del primo anno successivo disponibile
  • Titolo Tabella 1: Pareri e controlli per impianti RTV in Italia (2018)
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA (Osservatorio CEM)
    Legenda a Nei controlli sperimentali i valori tra parentesi indicano quelli effettuati su richiesta, laddove tale informazione è disponibile. b Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale. c Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo. nd: dato non disponibile. * il dato non copre tutto il territorio regionale

    Regione / Provincia autonoma Pareri preventivi Controlli sperimentali a Totale controlli e pareri
    n.
    Piemonte 160 72(2) 232
    Valle d'Aosta 27 17(3) 44
    Lombardia 54 21(10) 75
    Trentino-Alto Adige 99 40(32) 139
    Bolzano-Bozen 46 0(0) 46
    Trento 53 40(32) 93
    Veneto nd 21(2) nd
    Friuli-Venezia Giulia 9 31(0) 40
    Liguria 23 36(6) 59
    Emilia-Romagna 63 44(31) 107
    Toscana 97 19(0) 116
    Umbria 17 17(9) 34
    Marche 30 9(9) 39
    Laziob nd nd nd
    Abruzzo 5 5(0) 10
    Moliseb nd nd nd
    Campania* 27 37(11) 64
    Puglia 21 77(1) 98
    Basilicata 22 22(0) 44
    Calabria* 34 12(2) 46
    Sicilia 9 66(23) 75
    Sardegna 3 5(5) 8
    ITALIAc 639 481(131) 1,120
  • Titolo Tabella 6: Numero di misure manuali in banda larga e di campagne di monitoraggio condotte in presenza di impianti SRB nell'anno 2018
    Fonte Elaborazione ISPRA su dati ARPA/APPA, Osservatorio CEM
    Legenda a Il dato non è stato aggiornato dal referente regionale. b Il totale Italia si riferisce alle regioni per cui il dato è completo. * il dato non copre tutto il territorio regionale. nd: dato non disponibile

    Regione Misure manuali in banda larga Campagne di monitoraggio
    n. n.
    Piemonte 617 36
    Valle d'Aosta 350 31
    Lombardia 887 39
    Trentino-Alto Adige 308 16
    Bolzano-Bozen 15 0
    Trento 293 8
    Veneto nd nd
    Friuli Venezia Giulia 1263 2
    Liguria 2242 14
    Emilia Romagna 410 116
    Toscana 511 6
    Umbria 160 0
    Marche 532 0
    Lazio* 751 0
    Abruzzoa 182 0
    Molisea nd nd
    Campania 513 0
    Puglia 2111 6
    Basilicata 1888 6
    Calabria* 448 9
    Sicilia 364 32
    Sardegna 3 3
    ITALIAb 12,159 307