CONSUMI TOTALI DI ENERGIA PER FONTI PRIMARIE

Autori: 
Antonio Caputo, Giulia Iorio
Immagine abstract
Abstract: 
L'analisi del contributo delle diverse fonti energetiche primarie alla produzione di energia mostra che il ruolo predominante dei prodotti petroliferi si sta riducendo a favore dell’incremento del gas naturale e delle fonti rinnovabili. La maggiore diversificazione e l’incremento del ruolo delle fonti rinnovabili hanno effetti positivi sul livello di autosufficienza energetica dell’Italia, tra i più bassi tra i paesi industrializzati.
Descrizione: 
L'indicatore misura la produzione di energia da ciascuna delle fonti energetiche primarie.
Scopo: 
Valutare il contributo delle diverse fonti energetiche primarie alla produzione di energia, al fine di aumentare l'utilizzo di combustibili meno inquinanti.
RILEVANZA - L'indicatore: 
È di portata nazionale oppure applicabile a temi ambientali a livello regionale ma di significato nazionale
È in grado di descrivere il trend in atto e l'evolversi della situazione ambientale
È semplice, facile da interpretare
È sensibile ai cambiamenti che avvengono nell'ambiente e collegato alle attività antropiche
Fornisce un quadro rappresentativo delle condizioni ambientali, delle pressioni sull'ambiente o delle risposte della società, anche in relazione agli obiettivi di specifiche normative
Fornisce una base per confronti a livello internazionale
MISURABILITÀ - I dati utilizzati per la costruzione dell’indicatore sono/hanno: 
Adeguatamente documentati e di qualità nota [Accessibilità]
Aggiornati a intervalli regolari secondo fonti e procedure affidabili [Tempestività e Puntualità]
Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
Una "buona" copertura spaziale
Una "buona" copertura temporale (almeno 5 anni)
SOLIDITÀ - L'indicatore: 
È basato su standard nazionali/internazionali e sul consenso nazionale/internazionale circa la sua validità
È ben fondato in termini tecnici e scientifici
Possiede elementi che consentono di correlarlo a modelli economici, previsioni e sistemi di informazione
Presenta attendibilità e affidabilità dei metodi di misura e raccolta dati
Comparabilità nel tempo
Comparabilità nello spazio
Riferimenti normativi: 
7° PAA – Decisione n. 1386/2013/UE del Parlamento europeo e del Consiglio
Obiettivi fissati dalla normativa: 
Non applicabile.
DPSIR: 
Determinante, Risposta
Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)
Riferimenti bibliografici: 
MSE, Bilancio Energetico Nazionale (BEN), anni vari
Limitazioni: 
Non compilato  
Ulteriori azioni: 
Non compilato  
Frequenza rilevazione dati: 
Annuale
Accessibilità dei dati di base: 
MSE, Bilancio Energetico Nazionale (BEN)
Fonte dei dati di base: 
MSE (Ministero dello sviluppo economico)
Unità di misura: 
Milioni di tonnellate equivalenti di petrolio (Mtep), Percentuale (%)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
Il dato è rilevato dal Ministero dello sviluppo economico ed è elaborato secondo la metodologia Eurostat.
Core set: 
Green growth OECD
Headline per il monitoraggio degli obiettivi della Strategia UE 'Europa2020'
EEA - CSI
7EAP - Dati sull'ambiente
Tipo rappresentazione: 
Grafico
Tabella
Periodicità di aggiornamento: 
Annuale
Copertura spaziale: 
Nazionale
Copertura temporale: 
1990-2017
Il dato è rilevato dal Ministero dello sviluppo economico solo a livello nazionale ed è elaborato secondo la metodologia Eurostat. Sono disponibili dati regionali elaborati dall’ENEA.
Stato: 
Non definibile
Trend: 
Positivo
Descrizione dello stato e trend: 
La quota del gas naturale rispetto ai consumi totali di energia è cresciuta dal 26,3% del 1990 al 38,6% del 2017, quella dei prodotti petroliferi è scesa dal 57,3% al 34,7%. La quota delle fonti rinnovabili mostra una rapida crescita nel periodo 1990-2017 passando dal 4,4% al 18,1%. I rifiuti non rinnovabili, sebbene restino minoritari tra le fonti primarie del Paese, aumentano dallo 0,1% del 1990 allo 0,7% del 2017. I combustibili solidi presentano un andamento oscillante intorno a un valore medio dell’8%, con una rilevante contrazione negli ultimi anni dal 9,6% del 2012 al 5,9% del 2017. L’andamento della quota di energia elettrica importata oscilla intorno alla media del 2,2% (Tabella 1).
Commenti: 
La struttura degli approvvigionamenti energetici italiani si sta modificando verso una maggiore diversificazione delle fonti energetiche utilizzate. Il ruolo predominante dei prodotti petroliferi si sta riducendo a favore dell’incremento del gas naturale e delle fonti rinnovabili (Figura 1). La maggiore diversificazione e l’incremento del ruolo delle fonti rinnovabili hanno effetti positivi sul livello di autosufficienza energetica dell’Italia, che è tra i più bassi tra i paesi industrializzati.
  • Titolo Tabella 1: Consumo interno lordo di energia* per fonti primarie
    Fonte MSE/EUROSTAT
    Legenda *Consumo interno lordo di energia definito da produzione primaria + prodotti recuperati + importazioni + variazioni delle scorte - esportazioni - bunkeraggi internazionali marini; ** Import netto di energia elettrica

    Anno Combustibili solidi Petrolio Gas Rinnovabili Rifiuti non rinnovabili Energia elettrica** Totale
    Mtep Mtep Mtep Mtep Mtep Mtep Mtep
    1990 14,63 84,89 39,00 6,47 0,16 2,98 148,13
    1991 13,80 86,03 41,48 7,51 0,14 3,02 151,97
    1992 12,19 86,67 41,11 7,92 0,11 3,04 151,04
    1993 10,66 86,22 41,95 7,97 0,11 3,39 150,30
    1994 11,36 85,00 40,54 8,25 0,11 3,23 148,49
    1995 12,28 93,16 44,65 7,72 0,16 3,22 161,19
    1996 11,24 92,23 46,07 8,36 0,17 3,21 161,28
    1997 11,34 92,69 47,49 8,65 0,19 3,34 163,70
    1998 11,79 92,66 51,13 9,04 0,24 3,50 168,36
    1999 11,77 90,09 55,57 9,77 0,35 3,61 171,16
    2000 12,56 89,86 57,94 10,11 0,26 3,81 174,54
    2001 13,36 88,63 58,10 10,34 0,29 4,16 174,88
    2002 13,73 89,14 57,71 10,89 0,29 4,35 176,12
    2003 14,88 88,45 63,62 12,91 0,48 4,38 184,72
    2004 16,60 85,81 66,02 12,96 0,66 3,92 185,97
    2005 16,47 83,32 70,65 14,11 0,67 4,23 189,45
    2006 16,67 82,13 69,19 15,33 0,77 3,87 187,96
    2007 16,33 80,00 69,53 16,95 0,83 3,98 187,61
    2008 15,80 75,81 69,52 19,71 0,75 3,44 185,03
    2009 12,37 70,61 63,90 21,03 0,80 3,87 172,57
    2010 13,67 68,41 68,06 21,86 1,04 3,80 176,84
    2011 15,33 65,95 63,81 21,03 1,14 3,93 171,19
    2012 15,71 58,65 61,36 23,89 1,13 3,71 164,44
    2013 13,54 56,34 57,39 26,37 1,14 3,62 158,39
    2014 13,06 54,65 50,71 26,51 1,16 3,76 149,85
    2015 12,30 56,72 55,30 26,27 1,15 3,99 155,73
    2016 10,98 54,83 58,08 26,02 1,18 3,18 154,28
    2017 9,34 55,42 61,55 28,82 1,13 3,25 159,51
  • Titolo Figura 1: Quota del consumo interno lordo di energia* per fonti primarie
    Fonte Elaborazioni ISPRA su dati del MSE/EUROSTAT
    Legenda *Consumo interno lordo di energia definito da produzione primaria + prodotti recuperati + importazioni + variazioni delle scorte - esportazioni - bunkeraggi internazionali marini; ** Import netto di energia elettrica