NUMERO DI CERTIFICATI UNI-EN-ISO 14001

Autori: 
Alessandro Nisi; Francesca Nizzero
Immagine abstract
Abstract: 
L'indicatore si riferisce alle certificazioni dei sistemi di gestione ambientale conformi alla norma UNI-EN-ISO 14001, rilasciate da un Organismo accreditato da ACCREDIA. Al 30 giugno 2019 sono 21.200 i siti aziendali italiani con Sistema di Gestione Ambientale (SGA) certificato dai 43 Organismi accreditati per questa attività. Si rileva un incremento di oltre 1.000 unità rispetto al 31 dicembre 2018. Nel 2019, circa la metà (49%) dei siti aziendali certificati è concentrata nelle regioni del Nord; la Lombardia da sola rappresenta circa il 19% delle certificazioni ambientali, con una crescita negli ultimi 6 mesi di analisi di 200 unità. Rilevanti in questi termini anche le quote del Veneto (11%) e dell’Emilia-Romagna (10%) che presentano, rispettivamente, 2.402 e 2.048 siti produttivi con un sistema di gestione ambientale certificato in conformità alla norma UNI-EN-ISO 14001. I settori economici nei quali si riscontra la maggiore adesione alla certificazione sono “Costruzioni”, “Altri servizi sociali” e “Rifornimento di energia elettrica”. In quest’ultimo settore si segnala un significativo incremento, rispetto al 2018 (31 dicembre), del numero di siti certificati che passano da 1.542 a 2.385.
Descrizione: 
Numero di certificati UNI-EN-ISO 14001 può essere considerato un indicatore della sensibilità delle imprese e delle organizzazioni verso l'ambiente che, attraverso un sistema di gestione ambientale certificato, intendono gestire e diminuire i fattori di pressione derivanti dalle proprie attività. Una diffusa presenza dei sistemi di gestione ambientale segnala una certa ricettività al tema dello sviluppo sostenibile, a tutto vantaggio della qualità dell'ambiente. Il numero di certificati indica quante organizzazioni hanno raggiunto tali obiettivi e, quindi, rispondono ai requisiti della rispettiva norma di riferimento. Il processo di certificazione passa attraverso il controllo indipendente di un Organismo accreditato, la cui competenza, indipendenza e imparzialità siano state verificate da ACCREDIA così da assicurare la terzietà delle valutazioni espresse e l'affidabilità delle certificazioni rilasciate a imprese e organizzazioni. Le informazioni fornite dall'indicatore sono, dunque, da intendersi in un'ottica di risposta alle problematiche di pressione e impatto generate dall'inquinamento legato ad attività produttive. I benefici nell'adozione della certificazione UNI-EN-ISO 14001 sono da ricondurre principalmente a: prevenzione o riduzione degli impatti ambientali; riduzione di utilizzo di materie prime ed energia implicate nei processi aziendali; riduzione di emissioni o rifiuti; miglioramento delle prestazioni ambientali attraverso obiettivi gestionali e/o tecnologici e impiantistici.
Scopo: 
Fornire un quadro del livello di attenzione alle problematiche ambientali in particolare del mondo produttivo, in generale, delle organizzazioni e delle imprese, nel settore pubblico e privato.
RILEVANZA - L'indicatore: 
È di portata nazionale oppure applicabile a temi ambientali a livello regionale ma di significato nazionale
È in grado di descrivere il trend senza necessariamente fornire una valutazione dello stesso
È semplice, facile da interpretare
È sensibile ai cambiamenti che avvengono nell’ambiente e/o delle attività antropiche
Fornisce un quadro rappresentativo delle condizioni ambientali, delle pressioni sull’ambiente o delle risposte della società, anche in relazione agli obiettivi di specifiche normative
Fornisce una base per confronti a livello internazionale
MISURABILITÀ - I dati utilizzati per la costruzione dell’indicatore sono/hanno: 
Adeguatamente documentati e di fonte nota
Aggiornati a intervalli regolari e con procedure affidabili
Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
Un’ “adeguata” copertura spaziale
Un’ “idonea” copertura temporale
SOLIDITÀ - L'indicatore: 
È basato su standard nazionali/internazionali e sul consenso nazionale/internazionale circa la sua validità
È ben fondato in termini tecnici e scientifici
Presenta attendibilità e affidabilità dei metodi di misura e raccolta dati
Comparabilità nel tempo
Comparabilità nello spazio
Riferimenti normativi: 
Norma tecnica UNI-EN-ISO 14001: 2015
Obiettivi fissati dalla normativa: 
Nessun obiettivo prefissato poiché questo strumento è volontario.
DPSIR: 
Risposta
Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)
Riferimenti bibliografici: 
Norma tecnica UNI-EN-ISO 14001: 2015
Limitazioni: 
I dati relativi al numero delle organizzazioni con sistema di gestione ambientale certificato a norma UNI-EN-ISO 14001 sono acquisiti e aggiornati da ACCREDIA - www.accredia.it - e si riferiscono soltanto alle certificazioni rilasciate da Organismi di certificazione accreditati da ACCREDIA nello schema SGA - Sistemi di gestione ambientale.
Ulteriori azioni: 
Sviluppo dell’indicatore per l’analisi dei flussi delle certificazioni, nei termini del rapporto tra nuove organizzazioni che si certificano ai sensi della UNI-EN-ISO 14001 e organizzazioni che non sono più certificate.
Frequenza rilevazione dati: 
Mensile
Accessibilità dei dati di base: 
I dati dei certificati UNI-EN-ISO 14001 sono conferiti in tempo reale ad ACCREDIA (Ente nazionale di accreditamento) da tutti gli Organismi accreditati per il rilascio di certificazioni UNI-EN-ISO 14001 e sono accessibili tramite apposita piattaforma (https://www.accredia.it/banche-dati/).
Fonte dei dati di base: 
ACCREDIA (L’Ente Italiano di Accreditamento)
Unità di misura: 
Numero (n.)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
Viene considerato il numero di siti aziendali certificati per la UNI-EN-ISO 14001 da un Organismo accreditato da ACCREDIA.
Core set: 
7EAP - Dati sull'ambiente
Tipo rappresentazione: 
Grafico
Tabella
Periodicità di aggiornamento: 
Annuale
Copertura spaziale: 
Nazionale, regionale
Copertura temporale: 
2004-2019 (30 giugno)
I dati dei certificati UNI-EN-ISO 14001 sono conferiti in tempo reale ad ACCREDIA (Ente nazionale di accreditamento designato dal Governo il 22 dicembre 2009), tramite apposita piattaforma, da tutti gli Organismi di certificazione accreditati per il rilascio di certificazioni UNI-EN-ISO 14001. I dati sono filtrati dalla piattaforma ACCREDIA così da garantire la registrazione dei soli dati attendibili in termini di validità dell'accreditamento delle corrispondenti certificazioni. Possono essere considerati comparabili, affidabili, accurati.
Stato: 
Buono
Trend: 
Positivo
Descrizione dello stato e trend: 
Nel 2019 (dati al 30 giugno), l’indicatore registra un discreto aumento rispetto al 2018 (dati al 31 dicembre), con un numero complessivo di siti produttivi italiani con un sistema di gestione ambientale certificato in conformità alla norma UNI-EN-ISO 14001 che passa da 20.195 a 21.200 (Tabella 1). Il trend positivo caratterizza, con poche eccezioni, tutte le regioni italiane. Tra queste, nel 2019, Lazio e Abruzzo mostrano la migliore dinamica rispettivamente con 1.676 e 593 siti aziendali certificati. Gli incrementi registrati rappresentano oltre a una maggiore attenzione agli impatti ambientali delle attività produttive, una crescente percezione del vantaggio ottenibile attraverso un sistema di gestione ambientale, anche in termini di quote di mercato e competitività. Il trend di lungo periodo è estremamente positivo: le certificazioni ambientali passano, infatti, da 4.644 nel 2004 a 21.200 nel 2019 (dati al 30 giugno). Su base quinquennale le variazioni più significative riguardano Marche e Molise che arrivano a un totale di siti aziendali certificati pari, rispettivamente, a 676 e 144.
Commenti: 
Il numero delle organizzazioni con sistema di gestione ambientale certificato sotto accreditamento ai sensi della norma UNI-EN-ISO 14001 ha raggiunto, a giugno 2019, le 21.200 unità, registrando un aumento del 5% negli ultimi 6 mesi e proseguendo il trend di crescita degli ultimi anni (Tabella 1 e Figura 1). La regione con il numero più elevato di siti produttivi certificati UNI-EN-ISO 14001 è la Lombardia, con 4.009 certificazioni, seguita da Veneto ed Emilia-Romagna rispettivamente con 2.402 e 2.048 siti certificati (Figura 2). L'area geografica con la percentuale più elevata di certificazioni è il Nord con il 49% del totale, seguita dalle regioni del Centro (18%), mentre il Sud e le Isole rappresentano insieme circa il 19% delle organizzazioni certificate. Rientrano in questa rilevazione anche i siti di aziende estere certificati da Organismi accreditati da ACCREDIA che rappresentano il 14% del totale (Figura 3). Tra i 10 settori di attività economica con la maggiore concentrazione di sistemi di gestione ambientale certificati, si distinguono: “Costruzioni” (2.714) seguito da “Altri servizi sociali” (2.475) e da “Rifornimento di energia elettrica” (2.385) (Figura 4). Il trend negli ultimi 6 mesi è positivo con poche eccezioni, ma è il settore “Rifornimento di energia elettrica” a registrare l’aumento più significativo passando da 1.542 a 2.385 siti aziendali con un sistema di gestione ambientale certificato. Complessivamente, l’indicatore mostra negli anni un andamento dinamico e nella maggior parte dei casi positivo, testimoniando una crescente diffusione di questo strumento di contenimento degli effetti sull’ambiente delle attività produttive. Tale indicatore, unitamente a Numero di registrazioni EMAS, è utilizzabile per il monitoraggio della riduzione degli impatti ambientali generati dai principali settori produttivi come richiesto dal 7° Programma di Azione dell'Agenzia Ambientale Europea (obiettivo 2b).
  • Tabella 1: Evoluzione del numero delle certificazioni UNI-EN-ISO 14001 per regione
    Fonte ACCREDIA
    Nota:
    Il dato delle certificazioni fa riferimento ai siti aziendali/produttivi con sistema di gestione certificato UNI-EN-ISO 14001. Il sito può corrispondere a un ufficio, a un'unità produttiva, a un dipartimento dell'azienda certificata. Più siti certificai possono corrispondere a una singola azienda certificata. Dal 2004 al 2018 i dati sono aggiornati al 31 dicembre di ogni anno

    Regione 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 Jun-19
    n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n. n.
    Piemonte   476   747 1,045 1,215 1,288 1,204 1,367 1,410 1,464 1,439 1,384 1,464   1,585 1,563 1,660 1,755
    Valle d'Aosta    24    62   106   110    63    62    84    94   102   101   104    94 97   102   109   108
    Lombardia   763 1,152 1,388 1,622 1,637 1,915 2,199 2,267 2,658 2,810 2,964 3,017   3,291 3,581 3,809 4,009
    Trentino-Alto Adige    61   152   186   207   233   289   345   339   313   391   428   419    506   524   526   540
    Veneto   391   603   815   984 1,011 1,040 1,221 1,291 1,397 1,681 1,725 1,803   1,941 2,105 2,291 2,402
    Friuli-Venezia Giulia   106   148   249   292   358   358   376   399   408   447   526   474    496   585   598   584
    Liguria   158   247   367   477   446   436   533   557   504   539   589   578    637   672   645   679
    Emilia-Romagna   441   548   888 1,085 1,296 1,139 1,458 1,615 1,635 1,715 1,448 1,617   1,748 1,898 1,933 2,048
    Toscana   271   366   581   778   886   934 1,006 1,135 1,132 1,060 1,232 1,234   1,317 1,403 1,697 1,760
    Umbria    49   129   186   239   264   298   314   314   322   353   348   362    374   395   432   435
    Marche    81   163   271   321   349   392   420   495   529   552   516   472    523   586   620   676
    Lazio   216   326   441   535   568   665   814   902   954 1,283 1,151 1,365   1,434 1,430 1,509 1,676
    Abruzzo   172   202   278   327   338   363   404   458   441   433   413   426    460   488   539   593
    Molise    43    45    64   104   113   116   114   126   119   118    93    95    106   101   138   144
    Campania   521   721   932 1,124 1,230 1,105 1,151 1,097 1,199 1,202 1,097 1,086   1,091 1,158 1,119 1,178
    Puglia   317   427   557   731   792   682   745   767   789   777   721   689    748   815   855   864
    Basilicata    49    96   141   165   164   184   179   182   206   205   216   213    218   238   267   261
    Calabria    89   142   212   285   273   231   237   244   271   322   317   326    334   325   327   332
    Sicilia   278   412   656   871   906   804   787   750   706   767   762   695    778   780   801   825
    Sardegna   138   179   206   245   210   247   259   269   276   324   317   287    309   300   320   331
    ITALIA 4,644 6,867 9,569    11,717    12,425    12,464    14,013    14,711    15,425    16,519    16,351    16,716 17,993    19,049    20,195    21,200
  • Titolo Figura 1: Evoluzione del numero delle certificazioni UNI-EN-ISO 14001
    Fonte Accredia

    Note Il dato delle certificazioni fa riferimento ai siti aziendali/produttivi con sistema di gestione certificato UNI-EN-ISO 14001. Il sito può corrispondere a un ufficio, a un'unità produttiva, a un dipartimento dell'azienda certificata. Più siti certificai possono corrispondere a una singola azienda certificata. Dal 2004 al 2018 i dati sono aggiornati al 31 dicembre di ogni anno
  • Titolo Figura 2: Distribuzione regionale delle certificazioni UNI-EN-ISO 14001 (30 giugno 2019)
    Fonte ACCREDIA

    Note Il dato delle certificazioni fa riferimento ai siti aziendali/produttivi con sistema di gestione certificato UNI-EN-ISO 14001. Il sito può corrispondere a un ufficio, a un'unità produttiva, a un dipartimento dell'azienda certificata. Più siti certificai possono corrispondere a una singola azienda certificata
  • Titolo Figura 3: Ripartizione percentuale delle certificazioni UNI-EN-ISO 14001 per area geografica (30 giugno 2019)
    Fonte Fonte: ACCREDIA

  • Titolo Figura 4: I primi dieci settori economici per numero di certificazioni UNI-EN-ISO 14001 (30 giugno 2019)
    Fonte Fonte: ACCREDIA

    Note Il dato delle certificazioni fa riferimento ai siti aziendali/produttivi con sistema di gestione certificato UNI-EN-ISO 14001. Il sito può corrispondere a un ufficio, a un'unità produttiva, a un dipartimento dell'azienda certificata. Più siti certificai possono corrispondere a una singola azienda certificata