Report

RAPPORTO TRA I CONSUMI FINALI DI ENERGIA E I CONSUMI TOTALI DI ENERGIA

Abstract indicatore: 
Il rapporto tra i consumi finali di energia e i consumi totali di energia misura l'efficienza complessiva della conversione dell'energia contenuta nelle fonti primarie. La differenza tra queste due grandezze corrisponde ai consumi nei processi di conversione (come la produzione di elettricità e la raffinazione del petrolio), ai consumi interni degli impianti di produzione di elettricità e alle perdite nella distribuzione e nella fornitura.
Dal 1990 al 2016 il rapporto tra consumi finali e consumi totali di energia nel nostro Paese (media 72,1%) è superiore alla media europea (media 65,4%).
L’incremento di efficienza, dovuta ad esempio all'aumento della produzione lorda di energia elettrica da impianti di cogenerazione (a partire dal 1999), viene parzialmente compensato dal peso crescente di fonti energetiche secondarie (elettricità, derivati petroliferi) nei consumi finali di energia, ciò spiega la variabilità dell’indicatore. Negli ultimi anni si osserva un incremento del rapporto dovuto essenzialmente all’incremento della quota di energia rinnovabile.

Descrizione: 
Il rapporto tra i consumi finali di energia e i consumi totali di energia misura l'efficienza complessiva della conversione dell'energia contenuta nelle fonti primarie. La differenza tra queste due grandezze corrisponde ai consumi nei processi di conversione (come la produzione di elettricità e la raffinazione del petrolio), ai consumi interni degli impianti di produzione di elettricità e alle perdite nella distribuzione e nella fornitura.

Scopo: 
Valutare l'efficienza complessiva della conversione dell'energia primaria dalle diverse fonti in energia utilizzabile, al fine di aumentare l'efficienza dell'approvvigionamento energetico.




Criteri di selezione: 
  • Misurabilità (i dati utilizzati per la costruzione dell'indicatore sono/hanno): 
    Adeguatamente documentati e di qualità nota [Accessibilità]
    Aggiornati a intervalli regolari secondo fonti e procedure affidabili [Tempestività e Puntualità]
    Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
    Una "buona" copertura spaziale
    Una "buona" copertura temporale (almeno 5 anni)
  • Rilevanza e utilità (l'indicatore): 
    È di portata nazionale oppure applicabile a temi ambientali a livello regionale ma di significato nazionale
    È in grado di descrivere il trend in atto e l'evolversi della situazione ambientale
    È semplice, facile da interpretare
    Fornisce una base per confronti a livello internazionale
  • Solidità scientifica (l'indicatore): 
    È basato su standard nazionali/internazionali e sul consenso nazionale/internazionale circa la sua validità
    È ben fondato in termini tecnici e scientifici
    Possiede elementi che consentono di correlarlo a modelli economici, previsioni e sistemi di informazione
    Presenta attendibilità e affidabilità dei metodi di misura e raccolta dati
    Comparabilità nel tempo
    Comparabilità nello spazio

Riferimenti normativi: 
L. 239/2004 - Riordino del settore energetico, nonche' delega al Governo per il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di energia
Dir. 2006/32/CE - concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici e recante abrogazione della direttiva 93/76/CEE del Consiglio Conclusioni Consiglio Europeo 8/9 marzo 2007
L. 99/2009 - Disposizioni per lo sviluppo e l'internazionalizzazione delle imprese, nonché in materia di energia
Dir. 2010/31/CE - sulla prestazione energetica nell'edilizia
Dir. 2012/27/CE - sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE
D.Lgs. 102/2014 - Attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.
D.Lgs. 141/2016 - Disposizioni integrative al decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102, di attuazione della direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica, che modifica le direttive 2009/125/CE e 2010/30/UE e abroga le direttive 2004/8/CE e 2006/32/CE.
Decreto interministeriale 16 febbraio 2016 - Conto termico

Obiettivi fissati dalla normativa: 
La Direttiva 2006/32/CE, concernente l'efficienza degli usi finali dell'energia e i servizi energetici fissava per gli Stati membri un obiettivo nazionale indicativo globale di risparmio energetico, pari al 9% entro il nono anno di applicazione della direttiva (2016). Secondo quanto previsto dall’art. 4, gli Stati membri adottano misure efficaci al conseguimento di detto obiettivo; in ottemperanza alla direttiva il Ministero dello sviluppo economico ha presentato nel luglio 2007 il Piano d’Azione per l’Efficienza Energetica. La Legge 99/2009 ha previsto il varo di un Piano straordinario per l’efficienza e il risparmio energetico da trasmettere alla Commissione Europea (art. 27). Il secondo Piano di Azione per l’Efficienza Energetica (PAEE 2011) è stato approvato in Conferenza Stato-Regioni il 27 luglio 2011. Il Piano prende in considerazione il nuovo quadro normativo per il conseguimento degli obiettivi di risparmio energetico previsti dalla Direttiva 2006/32/CE e fornisce una proiezione del risparmio energetico al 2020.
Il Consiglio Europeo dell’8/9 marzo 2007 fissava un obiettivo indicativo del 20% di risparmio energetico rispetto allo scenario tendenziale al 2020 dei consumi totali di energia, da realizzarsi con interventi di efficienza energetica. L’approvazione della Direttiva 2012/27/CE sull’efficienza energetica che, tra le altre modifiche introdotte, abroga la Direttiva 2006/32/CE a partire dal 5 giugno 2014 e definitivamente a decorrere dal 1° gennaio 2017. La Direttiva indica ai Paesi membri come raggiungere l’obiettivo di efficienza energetica del 20% al 2020. La Direttiva richiede a ciascuno Stato membro di fissare un obiettivo nazionale indicativo che verrà monitorato dalla Commissione Europea. L’Europa ha aggiornato il quadro strategico in merito all’efficienza energetica stabilendo un obiettivo indicativo di un miglioramento almeno del 27% al 2030, con l’opzione di una revisione dell’obiettivo entro il 2020 in vista di un innalzamento al 30% entro il 2030. La proposta di nuova Direttiva sull’Efficienza Energetica prevede, per il periodo 2021-2030, un risparmio minimo dell’1,5% all’anno calcolato sui volumi dei consumi finali del periodo 2016-2018.
DPSIR: 
Risposta

Tipologia indicatore: 
Efficienza (tipo C)

Riferimenti bibliografici: 
Database Eurostat

Limitazioni: 
La rilevanza dell'indicatore a livello regionale è ridotta, rispetto al livello nazionale, per effetto della distribuzione non uniforme degli impianti di produzione di elettricità sul territorio nazionale.

Ulteriori azioni: 
Non compilato
Frequenza di rilevazione dei dati: 
Annuale

Accessibilità dei dati di base: 
EUROSTAT

Fonte dei dati di base: 
ENEA (Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente)
EUROSTAT (Ufficio Statistico delle Comunità Europee)

Unità di misura dell'indicatore: 
Migliaia di tonnellate equivalenti di petrolio (Ktep)
Percentuale (%)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
Non compilato

Core set: 
7EAP - Dati sull'ambiente

Tipo di rappresentazione: 
Grafico
Tabella

Copertura spaziale: 
Nazionale

Copertura temporale: 
1990-2016

Qualità dell'informazione: 
L'indicatore è rilevante in quanto fornisce informazioni fondamentali per valutare l'efficienza complessiva della conversione dell'energia primaria dalle diverse fonti in energia utilizzabile. Il dato nazionale è stato aggiornato secondo la metodologia Eurostat. L'indicatore, disponibile a livello nazionale, può essere calcolato anche a livello regionale.

Periodicità di aggiornamento: 
Annuale


Stato e trend: 
Dal 1990 al 2016 il rapporto tra consumi finali e consumi totali di energia nel nostro Paese (media 72,1%) è superiore alla media europea (media 65,4%). L’indicatore fornisce un’informazione indiretta dell’efficienza di conversione delle fonti energetiche primarie. L’incremento di efficienza, dovuta ad esempio all'aumento della produzione lorda di energia elettrica da impianti di cogenerazione (a partire dal 1999), viene parzialmente compensato dal peso crescente di fonti energetiche secondarie (elettricità, derivati petroliferi) nei consumi finali di energia, ciò spiega la variabilità dell’indicatore. Negli ultimi anni si osserva un incremento del rapporto dovuto essenzialmente all’incremento della quota di energia rinnovabile.

Commenti: 
Nel 2016, la quota di consumi finali del nostro Paese rispetto ai 28 paesi europei è del 10,5%. Dal 1990, quando i consumi finali dell’Italia costituivano il 10%, la percentuale è aumentata con alcune oscillazioni fino al 2005, quando i consumi finali nazionali costituivano 11,5% dei consumi europei. Successivamente si osserva una diminuzione della quota dei consumi. Nel 2016, i consumi finali nazionali subiscono una contrazione del 15,5% rispetto al 2005, contro una contrazione a livello europeo del 7,1%.
  • Titolo: Tabella 1: Rapporto tra i consumi finali di energia e il consumo interno lordo di energia nell'Unione Europea(1)
    Fonte: Elaborazioni ENEA su dati EUROSTAT
    Legenda: 1 Consumo finale di energia è definito dalla somma dei consumi finali di energia dei settori Industria, Trasporti e Altri settori (Residenziale, Servizi, etc.); Consumo interno lordo di energia definito da produzione primaria + prodotti recuperati + importazioni + variazioni delle scorte - esportazioni - bunkeraggi
    Paese 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
    %
    Austria 77.1 78.2 79.1 79.3 78.2 78.8 79.6 78.8 79.8 80.9 81.6 82.2 82.1 82.0 81.2 81.5 80.7 81.0 80.9 81.9 81.9 81.7 81.2 82.7 81.8 82.2 83.1
    Belgio 64.8 65.4 64.9 65.6 63.8 63.8 64.4 63.6 64.0 63.3 63.3 65.0 64.3 64.0 63.7 61.9 63.0 62.6 62.3 61.4 61.8 61.4 64.2 64.3 63.9 66.1 63.2
    Bulgaria 59.2 55.6 53.3 49.0 51.2 50.3 50.3 51.4 51.2 50.1 49.2 47.1 48.6 50.6 51.2 51.6 51.5 51.6 50.1 49.1 49.8 48.5 50.7 52.4 50.8 51.4 53.3
    Cipro 68.4 76.8 71.1 67.9 62.2 72.5 68.9 70.6 69.3 70.7 68.4 70.1 69.8 68.3 73.2 72.2 70.7 70.0 68.0 68.6 70.3 71.3 70.1 73.8 72.5 73.0 72.0
    Croazia 68.0 68.5 65.6 65.3 67.4 67.2 68.2 69.6 68.3 70.8 71.2 72.0 71.1 70.8 72.7 74.0 74.7 71.9 75.1 75.3 76.5 74.9 75.1 76.6 76.1 77.3 77.3
    Danimarca 75.2 71.8 74.0 74.5 71.9 73.3 67.1 70.3 71.4 73.9 74.6 74.7 74.2 72.9 76.1 79.4 74.4 76.6 78.7 78.2 77.4 79.6 79.2 78.8 80.7 83.1 82.9
    Estonia 56.2 56.6 50.6 51.7 49.4 46.7 49.3 48.8 49.9 48.8 48.9 51.4 52.5 49.8 49.8 51.2 52.5 50.5 51.6 51.6 47.3 45.9 46.9 42.8 43.5 43.9 45.3
    Finlandia 75.1 72.3 76.3 73.1 72.1 74.8 71.3 70.7 72.8 73.5 75.0 74.8 72.7 69.9 70.0 73.0 70.6 71.1 71.3 70.4 70.7 69.8 72.6 72.3 70.5 72.9 72.9
    Francia 59.8 60.2 61.5 60.0 61.1 59.4 58.8 59.6 60.2 60.7 60.3 60.4 58.8 58.8 58.7 58.2 58.1 57.1 57.6 57.8 57.8 56.4 57.7 58.5 56.8 57.4 59.2
    Germania 64.3 65.3 64.6 65.5 64.6 64.9 65.5 64.9 64.9 65.1 64.3 63.5 63.9 65.5 64.5 63.9 63.5 63.0 64.5 65.0 66.1 66.1 66.7 67.1 66.7 67.6 68.2
    Grecia 65.7 66.4 65.0 65.8 65.0 66.2 68.9 68.2 68.2 67.5 66.0 66.2 66.4 68.1 66.3 66.7 68.2 70.0 67.1 67.4 66.1 67.9 61.7 63.0 63.7 67.5 69.2
    Irlanda 71.4 72.1 72.2 72.4 72.1 72.2 71.1 70.0 71.6 72.3 74.9 74.7 74.6 79.0 79.0 83.0 85.2 84.0 84.8 80.1 79.2 79.0 77.6 78.6 79.9 79.1 78.2
    Italia 70.2 71.2 71.4 71.7 71.4 70.8 71.2 71.0 71.0 72.7 71.6 72.1 71.6 71.9 71.9 72.2 72.0 71.5 72.0 72.6 72.2 71.4 73.5 74.3 75.0 74.4 74.9
    Lettonia 80.9 83.5 84.1 84.4 84.6 83.2 82.7 83.3 82.3 84.4 84.2 86.3 88.0 86.8 87.0 87.5 88.0 89.1 88.5 89.6 89.0 88.4 88.8 86.3 87.3 86.5 87.1
    Lituania 60.8 61.0 58.9 55.1 59.2 53.2 48.2 51.7 48.8 52.0 53.3 48.3 47.0 46.6 47.7 53.6 57.7 56.1 55.4 54.9 70.9 68.4 69.2 71.7 73.0 70.4 72.6
    Lussemburgo 93.6 93.3 93.7 94.1 94.6 93.7 94.6 95.4 96.0 96.2 95.9 95.3 92.2 93.3 93.2 93.2 93.3 93.7 94.5 93.3 93.1 93.9 93.5 95.0 94.8 95.5 96.2
    Malta 57.3 64.3 64.7 56.9 57.8 60.3 52.8 60.0 57.5 52.7 55.2 45.6 44.2 43.6 47.5 49.6 49.7 50.1 51.3 50.6 53.6 52.6 51.6 59.9 61.4 75.6 80.4
    Olanda 66.1 67.4 67.0 68.7 66.8 67.4 69.5 67.7 67.2 67.9 67.0 66.3 65.5 64.3 64.2 64.2 64.5 63.6 64.9 63.5 63.6 63.7 63.4 64.2 61.7 62.7 63.1
    Polonia 58.0 59.8 60.2 63.0 64.4 63.7 64.5 63.8 62.9 62.9 62.3 62.1 62.2 62.0 63.6 63.4 63.2 63.6 63.8 65.1 65.9 64.2 66.0 64.6 65.3 65.2 66.7
    Portogallo 65.3 69.2 67.0 68.7 69.7 67.1 71.5 70.4 69.7 67.5 70.9 71.2 70.2 71.8 70.7 69.2 71.7 72.2 72.4 72.6 74.5 73.3 72.1 70.8 71.4 69.7 69.3
    Regno Unito 65.0 65.4 64.5 64.9 64.4 64.2 65.0 65.4 65.0 66.4 66.5 66.4 65.4 64.8 65.8 65.2 65.3 66.7 67.4 66.8 67.2 66.5 66.6 68.0 68.5 68.9 70.6
    Repubblica Ceca 65.3 64.3 65.5 65.8 64.5 62.8 61.9 60.7 60.4 61.6 60.6 60.2 58.3 58.5 58.1 58.0 57.3 56.4 57.2 58.5 55.9 56.3 56.5 55.9 56.1 57.3 59.5
    Romania 70.2 67.9 58.2 54.5 58.9 58.2 62.3 64.1 64.0 61.7 62.1 62.8 60.6 60.7 63.2 63.0 61.3 59.7 61.6 62.7 63.1 62.3 64.5 67.3 67.5 67.5 68.8
    Slovacchia 70.0 66.5 66.5 61.8 62.1 62.3 62.3 61.9 61.6 60.8 60.0 61.1 61.7 59.8 59.8 60.8 60.3 62.6 62.8 63.4 64.7 61.9 62.0 62.4 61.7 61.3 63.1
    Slovenia 65.4 66.7 65.9 68.0 68.5 67.3 70.9 69.7 67.7 68.6 69.1 68.0 66.8 67.8 67.3 66.9 67.5 66.7 67.9 67.6 68.6 68.5 69.5 69.9 69.0 71.3 71.7
    Spagna 63.4 63.2 63.1 64.2 64.5 62.7 66.1 64.3 64.4 63.4 64.6 66.1 65.2 66.9 67.1 67.8 66.1 67.1 66.7 67.2 68.4 67.5 64.9 67.7 67.9 66.2 67.5
    Svezia 65.7 63.7 68.4 70.0 67.8 68.1 68.3 68.7 68.1 68.0 71.5 67.2 66.6 68.1 65.4 66.0 67.0 67.4 65.8 69.1 67.1 65.1 65.0 64.3 64.7 69.6 66.2
    Ungheria 69.1 68.4 64.0 62.3 63.5 62.0 62.3 60.7 61.5 63.0 63.8 65.5 65.6 67.0 67.2 66.7 66.1 63.8 64.5 66.1 65.5 67.1 66.5 69.2 68.1 69.0 69.5
    Unione Europea (28) 65.0 65.3 65.0 65.2 65.1 64.6 65.2 65.1 65.1 65.6 65.5 65.4 64.8 65.2 65.2 65.1 64.9 64.8 65.3 65.6 65.9 65.2 65.7 66.4 66.1 66.7 67.5
  • Titolo: Tabella 2: Consumi finali totali nell'Unione Europea (1)
    Fonte: EUROSTAT
    Legenda: 1 Definito dalla somma dei consumi finali di energia dei settori Industria, Trasporti e Altri settori (Residenziale, Servizi, etc.)
    Paese 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016
    Milioni di tep
    Austria 19.3 20.8 20.2 20.6 20.3 21.4 23.0 22.7 23.3 23.5 23.7 25.1 25.3 26.6 27.0 27.8 27.6 27.3 27.4 26.2 27.9 27.2 27.0 28.0 26.7 27.5 28.1
    Belgio 31.5 33.1 33.2 32.7 33.8 34.3 36.6 36.3 37.3 37.0 37.5 38.1 36.3 37.8 37.9 36.6 36.6 35.6 36.9 34.8 37.6 35.0 35.1 36.4 34.2 35.9 36.3
    Bulgaria 16.4 12.4 11.0 10.8 10.8 11.4 11.6 10.7 10.3 9.2 9.1 9.1 9.1 9.8 9.7 10.2 10.5 10.3 10.0 8.6 8.8 9.3 9.2 8.8 9.0 9.5 9.7
    Cipro 1.1 1.3 1.3 1.3 1.4 1.4 1.5 1.5 1.5 1.6 1.6 1.7 1.7 1.8 1.8 1.8 1.9 1.9 2.0 1.9 1.9 1.9 1.8 1.6 1.6 1.7 1.8
    Croazia 6.5 5.6 4.9 5.0 5.1 5.3 5.5 5.9 6.0 6.2 6.0 6.3 6.4 6.8 7.0 7.2 7.3 7.3 7.4 7.2 7.2 7.0 6.7 6.6 6.2 6.6 6.6
    Danimarca 13.5 14.2 14.0 14.5 14.5 14.8 15.4 15.1 15.0 15.0 14.7 15.1 14.8 15.1 15.4 15.5 15.7 15.7 15.5 14.8 15.5 14.8 14.2 14.1 13.6 14.0 14.4
    Estonia 5.5 5.2 3.4 3.0 2.9 2.6 3.0 2.9 2.7 2.4 2.4 2.7 2.6 2.8 2.8 2.9 2.9 3.1 3.1 2.8 2.9 2.8 2.9 2.9 2.8 2.8 2.8
    Finlandia 21.7 21.2 21.1 21.2 22.4 22.0 22.6 23.3 24.2 24.3 24.3 24.8 25.4 25.8 26.1 25.2 26.5 26.5 25.7 23.9 26.2 25.0 25.2 24.7 24.5 24.2 25.2
    Francia 136.2 144.8 145.5 144.0 141.7 143.5 150.1 147.8 153.4 154.6 155.3 161.0 156.8 159.5 161.5 160.8 158.4 153.9 156.0 149.9 154.4 145.7 149.3 151.8 141.3 145.3 147.2
    Germania 228.9 227.9 221.0 222.3 218.3 221.6 231.1 227.0 225.8 221.8 220.0 223.6 220.1 223.5 221.6 218.5 223.4 210.2 217.6 205.8 219.7 208.8 212.1 217.7 208.9 212.1 216.4
    Grecia 14.7 15.0 15.1 15.1 15.4 15.8 16.9 17.4 18.3 18.2 18.7 19.3 19.6 20.7 20.5 21.0 21.6 22.1 21.4 20.5 19.0 18.9 17.0 15.3 15.5 16.5 16.7
    Irlanda 7.3 7.5 7.4 7.6 7.9 8.0 8.3 8.7 9.4 10.0 10.8 11.3 11.3 11.7 12.0 12.6 13.3 13.3 13.4 11.9 12.0 11.0 10.7 10.8 10.8 11.2 11.6
    Italia 107.7 110.7 110.9 111.4 109.8 114.6 115.7 116.6 120.1 124.5 124.7 126.0 126.4 133.3 133.7 137.2 135.6 134.6 134.2 126.1 128.5 123.1 121.8 118.5 113.3 116.2 115.9
    Lettonia 6.4 6.3 5.2 4.5 4.1 3.8 3.8 3.7 3.6 3.4 3.3 3.6 3.6 3.8 3.9 4.0 4.2 4.4 4.2 4.0 4.1 3.9 4.0 3.9 3.9 3.8 3.8
    Lituania 9.7 10.2 6.4 4.9 4.7 4.6 4.5 4.5 4.5 4.1 3.8 3.9 4.1 4.2 4.4 4.7 4.9 5.2 5.1 4.7 4.8 4.8 4.9 4.8 4.9 4.9 5.1
    Lussemburgo 3.3 3.5 3.5 3.6 3.5 3.1 3.2 3.2 3.1 3.3 3.5 3.7 3.7 4.0 4.4 4.5 4.4 4.3 4.4 4.1 4.3 4.3 4.2 4.1 4.0 4.0 4.0
    Malta 0.3 0.4 0.4 0.4 0.4 0.5 0.4 0.6 0.4 0.4 0.4 0.4 0.4 0.4 0.4 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.5 0.6 0.6
    Olanda 45.3 47.9 47.3 49.6 49.0 50.8 55.0 52.2 52.3 52.3 52.1 53.0 53.1 53.9 54.6 54.0 53.6 52.9 53.8 51.6 55.1 51.6 51.4 51.6 47.3 48.5 49.5
    Polonia 59.9 60.3 59.2 63.6 61.5 62.9 66.5 65.1 60.0 58.4 55.2 55.6 54.9 56.6 58.1 58.5 61.2 61.6 62.4 61.5 66.3 64.7 64.4 63.3 61.6 62.3 66.7
    Portogallo 11.9 12.3 12.8 12.9 13.5 13.9 14.6 15.2 16.3 16.9 17.9 18.2 18.6 18.6 18.9 19.0 18.8 18.9 18.4 18.2 18.1 17.3 16.0 15.9 15.8 16.0 16.1
    Regno Unito 136.9 142.2 140.1 142.7 142.7 142.7 150.7 147.7 148.9 151.9 153.2 153.9 149.8 151.5 153.1 152.8 150.7 148.5 148.1 137.8 143.0 132.1 135.7 136.8 130.0 132.3 133.7
    Repubblica Ceca 32.7 29.3 29.0 28.2 26.6 26.3 26.7 26.4 25.4 24.2 25.1 25.5 25.0 26.2 26.7 26.3 26.7 26.2 26.1 25.1 25.4 24.6 24.6 24.3 23.7 24.2 24.9
    Romania 40.8 32.6 27.2 25.2 25.7 27.0 29.8 28.9 26.4 22.6 22.8 23.2 23.3 24.3 25.0 24.7 24.9 24.1 24.8 22.3 22.6 22.8 22.8 21.8 21.7 21.9 22.3
    Slovacchia 15.2 13.0 12.3 11.2 11.0 11.0 11.4 11.3 11.1 10.9 11.0 11.5 11.6 11.2 11.1 11.6 11.4 11.2 11.5 10.6 11.5 10.8 10.3 10.6 10.0 10.1 10.4
    Slovenia 3.7 3.7 3.4 3.7 3.9 4.1 4.5 4.6 4.4 4.4 4.5 4.6 4.6 4.7 4.8 4.9 4.9 4.9 5.3 4.8 5.0 5.0 4.9 4.8 4.6 4.7 4.9
    Spagna 57.1 59.6 60.6 59.9 62.7 64.0 65.6 68.5 72.2 74.8 79.9 83.9 85.2 90.4 94.7 97.8 95.5 98.1 94.6 87.8 89.1 86.7 83.2 80.8 79.2 80.4 82.5
    Svezia 31.2 31.5 33.2 33.7 34.3 35.1 36.0 35.3 35.6 35.2 35.0 34.4 34.2 34.0 34.0 33.7 33.2 33.3 32.4 31.4 34.1 32.4 32.3 31.6 31.2 31.7 32.6
    Ungheria 19.9 18.9 16.3 16.3 16.2 16.2 16.8 16.0 16.1 16.4 16.1 16.9 17.0 17.7 17.6 18.7 18.5 17.4 17.4 17.1 17.4 17.5 16.5 16.6 16.2 17.4 17.9
    Unione Europea (28) 1084.6 1091.1 1065.9 1069.8 1064.0 1082.6 1130.7 1119.2 1127.5 1127.6 1132.7 1156.5 1145.0 1176.6 1188.6 1192.7 1194.4 1173.6 1179.5 1115.8 1163.2 1109.3 1108.6 1108.3 1063.1 1086.2 1107.8
  • Titolo: Figura 1: Rapporto tra consumi finali e il consumo interno lordo di energia
    Fonte: Elaborazioni ENEA su dati EUROSTAT

    Figura 1: Rapporto tra consumi finali e il consumo interno lordo di energia