Report

CONDIZIONI AMBIENTALI CONTENUTE NEI PARERI VIA-LEGGE OBIETTIVO

Abstract indicatore: 
L'indicatore i riporta il numero di prescrizioni,contenute nei provvedimenti di VIA-Legge obiettivo per il periodo 2003-giugno 2018. In tale periodo le prescrizioni complessive sono state 4.878 relativi a 140 pareri positivi, con una media di 35 prescrizioni a parere.

Descrizione: 
L'indicatore riporta il numero di prescrizioni e di raccomandazioni contenute nei provvedimenti di VIA-Leggge Obiettivo. Poiché la procedura, prevista per gli interventi ricompresi tra le infrastrutture strategiche, è stata abrogata dall’art.216 del DLgs. 50/2016 (Codice dei contratti pubblici), con la presente edizione dell’annuario si conclude l’analisi dell’indicatore.


Scopo: 
Evidenziare l'andamento negli anni del numero complessivo di prescrizioni e del numero medio di prescrizioni per provvedimento.

Criteri di selezione: 
  • Misurabilità (i dati utilizzati per la costruzione dell'indicatore sono/hanno): 
    Adeguatamente documentati e di qualità nota [Accessibilità]
    Aggiornati a intervalli regolari secondo fonti e procedure affidabili [Tempestività e Puntualità]
    Facilmente disponibili o resi disponibili a fronte di un ragionevole rapporto costi/benefici
    Una "buona" copertura temporale (almeno 5 anni)
  • Rilevanza e utilità (l'indicatore): 
    È di portata nazionale oppure applicabile a temi ambientali a livello regionale ma di significato nazionale
    È semplice, facile da interpretare
    Fornisce un quadro rappresentativo delle condizioni ambientali, delle pressioni sull'ambiente o delle risposte della società, anche in relazione agli obiettivi di specifiche normative
  • Solidità scientifica (l'indicatore): 
    È ben fondato in termini tecnici e scientifici
    Comparabilità nel tempo
    Comparabilità nello spazio

Riferimenti normativi: 
Il D.Lgs. 190/02 e s.m.i.
Il D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50

Obiettivi fissati dalla normativa: 
Per quanto riguarda la VIA delle opere in Legge Obiettivo, i pareri e le relative prescrizioni in essi
contenute, espressi dalla Commissione VIA sul progetto preliminare corredato dal SIA (Studio Impatto Ambientale), vengono trasmessi al Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, che riceve il parere del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo ed eventualmente anche quelli espressi dalle regioni o province autonome competenti e, ove necessario, dal Ministero per lo sviluppo economico. Sulla base dei pareri ricevuti il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, formula la propria proposta al CIPE. Il provvedimento di valutazione di compatibilità ambientale viene adottato dal CIPE contestualmente all’approvazione del progetto preliminare. Il progetto definitivo di ottemperanza alle prescrizioni viene successivamente trasmesso dal proponente agli Enti interessati. La Commissione VIA esprime al MATTM il proprio parere sulla ottemperanza del progetto definitivo alle prescrizioni del provvedimento di compatibilità ambientale e sull’esatto adempimento dei contenuti e delle prescrizioni di cui al decreto di compatibilità ambientale. ). Poiché tale procedura, prevista per gli interventi ricompresi tra le infrastrutture strategiche, è stata abrogata dall’art.216 del DLgs. 50/2016 (Codice dei contratti pubblici), con la presente edizione dell’annuario si conclude l’analisi dell’indicatore.
DPSIR: 
Risposta

Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)

Riferimenti bibliografici: 
Pareri pubblicati on-line sul portale www.va.minambiente.it

Limitazioni: 
Spesso la formulazione delle prescrizioni è complessa e pertanto non facilmente catalogabile in maniera univoca, in quanto raggruppa condizioni impositive riguardanti più ambiti territoriali e ambientali. L'individuazione della prescrizione è legata all'accuratezza dell'analista. Sono escluse le prescrizioni soggette a procedura di VIA regionale.

Ulteriori azioni: 
Non compilato
Frequenza di rilevazione dei dati: 
Annuale

Accessibilità dei dati di base: 
Buona accessibilità dei dati.

Fonte dei dati di base: 
MATTM (Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare)

Unità di misura dell'indicatore: 
Numero (n.)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
A partire dai singoli provvedimenti di VIA sono state analizzate le prescrizioni in essi contenute. L'analisi ha portato ad individuare e catalogare le prescrizioni contenute in ciascun provvedimento.


Tipo di rappresentazione: 
Grafico
Tabella

Copertura spaziale: 
Nazionale

Copertura temporale: 
2003- giugno 2018

Qualità dell'informazione: 
I dati relativi al numero di prescrizioni contenute nei pareri di VIA di Legge Obiettivo sono pubblicati e aggiornati con regolarità sul portale del MATTM. Le comparabilità nel tempo e nello spazio sono assicurate da metodologie di rilevazione costanti. L’indicatore è semplice e facile da interpretare.

Periodicità di aggiornamento: 
Annuale


Stato e trend: 
Non definibileL’applicazione della procedura di valutazione di impatto ambientale in Italia riflette quanto è avvenuto in Europa, il sistema normativo si è rafforzato nel tempo e completato, recependo le Direttive europee; è aumentata la partecipazione del pubblico e la trasparenza amministrativa, ed è migliorata la qualità ambientale dei progetti sottoposti a VIA. Di contro il più articolato apparato normativo e l’evoluzione stessa della procedura hanno fatto si che le condizioni di realizzazione delle opere dessero luogo a sempre più complessi quadri prescrittivi che talora si sovrappongono e contrappongono ai quadri prescrittivi dettati da altri enti. La necessità di un continuo e costante controllo e monitoraggio degli impatti provocati dalle opere approvate ha determinato il rafforzamento del ruolo del monitoraggio ambientale. Per quanto detto, a questo indicatore non è possibile riconoscere un trend di efficienza e/o di perfomance pertanto non è possibile assegnare l’icona di Chernoff.

Commenti: 
Il numero medio annuale delle prescrizioni contenute nei pareri VIA applicata alla Legge Obiettivo è aumentato nel corso degli anni mentre il numero di pareri è diminuito nel periodo in esame (2003- fino a giugno 2018) (Tabella 1). Nel periodo, si rileva, infatti, una media di 40 prescrizioni a parere, che varia da un minimo di 20 nel 2008 a un massimo di 82 nel 2017, come si evince dal rapporto tra il numero delle prescrizioni e il numero dei pareri. Si ricorda che ciascuna prescrizione è sottoposta a verifica di ottemperanza a carico della Commissione VIA.

  • Titolo: Tabella 1: Numero di pareri di VIA Speciale positivi, numero prescrizioni e raccomandazioni, numero medio di prescrizioni per parere
    Fonte: Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MATTM

    Tabella 1: Numero di pareri di VIA Speciale positivi, numero prescrizioni e raccomandazioni, numero medio di prescrizioni per parere
    Anno Pareri positivi con prescrizioni Prescrizioni Raccomandazioni Numero medio di prescrizioni per parere
    n.
    2003 13 315 81 24
    2004 25 680 120 27
    2005 20 650 78 33
    2006 10 430 40 43
    2007 1 23 3 23
    2008 5 100 11 20
    2009 9 311 15 35
    2010 13 368 43 28
    2011 9 556 27 62
    2012 10 369 17 37
    2013 7 289 1 41
    2014 6 308 4 51
    2015 4 117 6 29
    2016 5 125 0 25
    2017 2 164 0 82
    2018 (fino a giugno) 1 73 0 73
    TOTALE 140 4,878 446 35
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MATTM
  • Titolo: Figura 1: Numero di pareri di VIA positivi e numero di prescrizioni
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MATTM

     Figura 1: Numero di pareri di VIA positivi e numero di prescrizioni