Report

CAPACITÀ DELLE RETI INFRASTRUTTURALI DI TRASPORTO

Abstract indicatore: 
L'indicatore permette di monitorare lo sviluppo delle reti infrastrutturali di trasporto. Tra il 1990 e il 2017 sono stati costruiti 758 km di nuove autostrade (+12,2%) inoltre è stata aggiunta la terza corsia a quelle già esistenti per un totale di 1.870 km, la quarta per 129 km e la quinta per 2 km. Le linee della rete AV/AC (circa 1.000 km) consentono il 60/70% di emissioni in meno di gas serra per passeggero rispetto al trasporto stradale ed aereo (MIT). A livello sovranazionale il sistema italiano AV/AC costituisce una parte fondamentale del TEN-T (Trans European Transport Network).

Descrizione: 
L'indicatore considera la dotazione e la funzionalità delle infrastrutture di trasporto, relativamente alle diverse modalità. Per il trasporto stradale e ferroviario sono state considerate le infrastrutture a rete, mentre per quello aereo e marittimo le infrastrutture puntuali.
Le infrastrutture di trasporto costituiscono le arterie del mercato nazionale ed europeo e contribuiscono alla coesione sociale in termini di accessibilità; esse possono, tuttavia, allo stesso modo produrre e rafforzare la differenziazione e la frammentazione sociale, oltre ad esercitare una forte pressione sull'ambiente, dovuta anche all'occupazione del territorio, nonché all'inquinamento acustico e atmosferico.

Scopo: 
Monitorare le reti infrastrutturali di trasporto, per poterne ottimizzare l'utilizzo e rivitalizzare alcune modalità, come quella ferroviaria e il trasporto urbano su impianti fissi.

Criteri di selezione: 
  • Misurabilità (i dati utilizzati per la costruzione dell'indicatore sono/hanno): 
    Adeguatamente documentati e di qualità nota [Accessibilità]
    Aggiornati a intervalli regolari secondo fonti e procedure affidabili [Tempestività e Puntualità]
    Una "buona" copertura spaziale
    Una "buona" copertura temporale (almeno 5 anni)
  • Rilevanza e utilità (l'indicatore): 
    È in grado di descrivere il trend in atto e l'evolversi della situazione ambientale
    È semplice, facile da interpretare
    Fornisce una base per confronti a livello internazionale
  • Solidità scientifica (l'indicatore): 
    È basato su standard nazionali/internazionali e sul consenso nazionale/internazionale circa la sua validità
    È ben fondato in termini tecnici e scientifici
    Presenta attendibilità e affidabilità dei metodi di misura e raccolta dati
    Comparabilità nel tempo
    Comparabilità nello spazio

Riferimenti normativi: 
Comunicazione Commissione Europea " Un futuro sostenibile per i trasporti- Verso un sistema integrato basato sulla tecnologia e di facile utilizzo"- 2009

Obiettivi fissati dalla normativa: 
La Commissione europea ha adottato il 17 giugno 2009 la Comunicazione per “Un futuro sostenibile per i trasporti- Verso un sistema integrato, basato sulla tecnologia e di facile utilizzo”. Mantenere e sviluppare una rete integrata e sottoposta ad adeguata manutenzione, mantenere l’Unione europea in prima linea in fatto di servizi e tecnologie, migliorare l’accessibilità, adottare prezzi intelligenti per orientare gli utenti, sono alcuni degli obiettivi politici fondamentali individuati nella Comunicazione per un sistema di trasporto sostenibile. Inoltre, con il nuovo Libro bianco sui trasporti (28/03/2011), la Commissione ha delineato gli obiettivi e le sfide fondamentali da affrontare, la strategia e le regole per attuarle; tra gli obietti: completamento entro il 2030 delle reti infrastrutturali TEN-T e collegare tra loro le reti ferroviarie, aeroportuali, marittime e fluviali; potenziare l’infrastruttura nei paesi che hanno aderito a partire dal 2004; creare uno spazio aereo europeo con una regolamentazione comune per l’aviazione. A gennaio 2014 l'UE ha adottato una nuova politica per le infrastrutture di trasporto con l'obiettivo di colmare le differenze tra le reti di trasporto dei diversi Paesi ed eliminare le strozzature che ancora ostacolano il buon funzionamento del mercato interno.
DPSIR: 
Determinante

Tipologia indicatore: 
Descrittivo (tipo A)

Riferimenti bibliografici: 
Conto Nazionale delle Infrastrutture e dei Trasporti-MIT
Eurostat, Transport statistics

Limitazioni: 
Un limite dell'indicatore è dato dal fatto che la lunghezza di un'infrastruttura di trasporto (autostrada, ferrovia, ecc.) costituisce solo un indicatore proxy della sua capacità; quest'ultima, in realtà, dovrebbe essere misurata attraverso il massimo flusso di traffico che l'infrastruttura può sostenere, ma attualmente tale dato non risulta disponibile.

Ulteriori azioni: 
-
Frequenza di rilevazione dei dati: 
Annuale

Accessibilità dei dati di base: 
I dati derivano dal.
MIT- Conto Nazionale Trasporti
Aiscat-Informazioni
Eurostat-Db

Fonte dei dati di base: 
ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile)
EUROSTAT (Ufficio Statistico delle Comunità Europee)
ISTAT (Istituto Nazionale di Statistica)
MIT (Ministero delle Infrastruttura e dei Trasporti)

Unità di misura dell'indicatore: 
Chilometro (km)
Metro quadro (m2)
Descrizione della metodologia di elaborazione: 
E' stata considerata la lunghezza in chilometri per la rete stradale, la rete ferroviaria , le metropolitane, le funicolari, le funivie e per tranvie urbane ed extraurbane. Per i porti è stato considerato il numero di porti per provincia, il numero di accosti e il numero di quelli dotati di binari collegati alla rete ferroviaria inoltre la superficie complessiva dei piazzali di stoccaggio e dei serbatoi di prodotti petroliferi e altri liquidi (m2).


Tipo di rappresentazione: 
Grafico
Tabella

Copertura spaziale: 
Nazionale e Regionale

Copertura temporale: 
1990, 1995, 2000, 2008-2017

Qualità dell'informazione: 
I dati utilizzati per popolare lìindicatore sono, in parte, prodotti da Enti istituzionali (MIT, ISTAT). L'indicatore risulta comparabile nello spazio e nel tempo, facile da interpretare, inoltre, consente confronti internazionali.

Periodicità di aggiornamento: 
Annuale


Stato e trend: 
La rete stradale primaria comprende le autostrade (6.943 km), le strade regionali e provinciali (155.247) e altre strade di interesse nazionale (20.786 km) per uno sviluppo totale di 182.976 km (situazione al 2016). Tra il 1990 e il 2017 sono stati costruiti 758 km di nuove autostrade (+12,2%) inoltre è stata aggiunta la terza corsia a quelle già esistenti per un totale di 1.870 km, la quarta per 129 km e la quinta per 2 km. In merito alla rete delle infrastrutture per il trasporto marittimo (situazione al 31/12/2017) si contano 280 porti, molti di piccola dimensione, con 2.032 accosti (lunghezza complessiva di oltre 501 mila km). Di questi solo 199 sono dotati di binari collegati alla rete ferroviaria. Gli aeroporti commerciali (certificati ) in Italia sono 44. Tra le 20 regioni solo Molise e Basilicata non hanno scali aerei. In termini di dotazione di aeroporti commerciali in relazione alla popolazione e all’estensione territoriale, la rete aeroportuale italiana è in linea con le realtà dei principali paesi europei, con un’offerta di 1 aeroporto ogni 1,27 milioni di residenti e ogni 6400 Km2 (ENAC- Piano nazionale degli aeroporti- febbraio 2012).lL’estensione della rete ferroviaria italiana, che comprende oltre alle Ferrovie dello Stato le Ferrovie regionali, è pari a 20.534 km (situazione al 31 dicembre 2017).

Commenti: 
Nel periodo 1990-2016 la lunghezza delle infrastrutture stradali, con esclusione di quella comunale, è cresciuta del 12,9%. La rete autostradale si sviluppa in tutte le regioni con l’eccezione della Sardegna; si evidenzia che al 31/12/2017 risultano in costruzione 39,7 km di nuovo tronchi autostradali, mentre 467,5 km risultano in programma. L’Italia settentrionale ha la maggiore dotazione di autostrade sia rispetto ai residenti: km 1,30 ogni 10.000 residenti, sia rispetto alla superficie: km 3,01 ogni 100 chilometri quadrati, sia al circolante: 2,07 ogni 10.000 autovetture (alcuni dati non sono presenti in Tabella 2). Al 30/6/2017, la rete ferroviaria si sviluppa per 20.534 km di cui 13.740 km di rete elettrificata e 6.795 km di rete non elettrificata (dati provvisori). Si sottolinea che le linee della rete AV/AC (circa 1.000 km) consentono il 60/70% di emissioni in meno di gas serra per passeggero rispetto al trasporto stradale ed aereo . A livello sovranazionale il sistema italiano AV/AC costituisce una parte fondamentale del TEN-T (Trans European Transport Network).
L’estensione totale della rete tranviaria urbana ed extraurbana, nel 2016, è pari a 524 km mentre la lunghezza della rete metropolitana si attesta sul valore ancora modesto di 206 km, con un incremento rispetto all’anno precedente di 3 km. Le funicolari terrestri in servizio pubblico, necessarie nei casi in cui il mezzo di trasporto debba percorrere un tratto di linea a pendenza molto elevata, sono esercitate in Italia da 19 società, per una lunghezza totale d’esercizio pari a 22,4 km e pur rispondendo a un’esigenza prevalentemente turistica, spesso consentono gli spostamenti giornalieri della popolazione locale residente, così come accade anche per le funivie (2.006 km).
Con circa 11,6 milioni di Teu gestiti nel 2016 Rotterdam è stato, ancora una volta, il più grande porto d’Europa per volume di container, seguito da Anversa con circa 9,8 milioni di Teu e da Amburgo con 8,9 milioni di Teu movimentati (Tabella 4). Nella graduatoria troviamo, all'ottavo posto, Gioa Tauro con 3,8 milioni di Teu (3,0 – nono posto nel 2015). Per quanto riguarda la seconda classifica in tabella, il porto di Dover, ha confermato la sua posizione come il più grande porto passeggeri in Europa. Nessun porto italiano risulta tra i primi dieci (nel 2014 al decimo posto risultava il porto di Napoli).
Per quanto riguarda la dotazione infrastrutturale degli scali italiani, Roma Fiumicino e Milano Malpensa presentano le maggiori estensioni (rispettivamente 1.605 e 1.244 ettari) e le più grandi aree di parcheggio aerei: rispettivamente 1.328.100 m2 e 1.319.000 m2.
  • Titolo: Tabella 1: Estensione delle infrastrutture di trasporto terrestre in Italia, per modalità di trasporto
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ISTA, MIT, AISCAT
    Legenda:
    Note: Nota: La rete ferroviaria comprende le Ferrovie dello Stato e le ferrovie regionali (ex ferrovie in concessione e in gestione governativa) a a partire dal 2002 la serie non comprende i dati degli ascensori di Genova b i dati relativi alla lunghezza di esercizio, intesa come lunghezza inclinata, sono stimati c i dati relativi alla rete stradale sono aggiornati al 30 giugno 2017, quelli relativi alla rete ferroviaria sono aggiornati al 31 dicembre 2017
    Tabella 1: Estensione delle infrastrutture di trasporto terrestre in Italia, per modalità di trasporto
    Modalità 1990 1995 2000 2005 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017c
    km
    Rete stradale 161,938 166,007 167,725 175,430 183,704 180,549 186,419 179,024 180,175 181,619 182,400 184,297 182,976 -
    autostrade 6,185 6,435 6,478 6,542 6,629 6,661 6,668 6,668 6,726 6,751 6,844 6,926 6,943 6,943
    di cui: a 3 corsie 1589 1633 1,667 1737.1 1785.5 1,817 1895 1,983 1,875 1870
    di cui a 4 corsie 77.5 77.5 77.5 77.5 79 113 122 129
    di cui a 5 corsie 2 2 2
    altre strade di interesse nazionale 44,742 45,130 46,556 21,524 19,290 19,375 20,856 20,773 19,861 19,920 19,894 21,686 20,786 -
    strade regionali e provinciali 111,011 114,442 114,691 147,364 157,785 154,513 158,895 151,583 153,588 154,948 155,662 155,668 155,247 -
    Rete ferroviaria 19,576 19,532 19,417 19,815 20,184 20,133 20,392 20,643 19,937 19,947 19,868 - 20,821 20,534
    di cui: rete elettrificata 10,793 11,526 11,879 12,682 13,062 13,092 13,343 15,310.4 13,200 13,238 13,434 - 13,726 13,740
    rete non elettrificata 8,783 8,006 7,538 7,134 7,122 7,041 7,049 5,333.5 6,731 6,709 6,433 - 7,095 6,795
    di cui: rete a binario semplice 13,617 13,279 13,044 12,620 12,410 12,273 12,324 11,684.0 12,024 11,836 13,434 - 12,739 12,457
    rete a doppio binario 5,959 6,253 6,373 7,195 7,774.0 7,859.0 8,068.0 8,959.8 7,914 7,875 6,433 - 8,082 8,055
    Tranvie urbane ed extraurbane 449 424 398 447 466 483 496 493 512 506 510 516 524 -
    Metropolitane 96 113 121 131 145 145 145 158 163 187 202 203 206 -
    Funicolaria 12 15 14 18 18 18 22 22 22 22 22 22 22 -
    Funivieb 2,757 2,501 2,464 2,320 1,983 2,279 2,263 2,265 2253 1,983 2,006 2,004 2,006 2,010
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ISTAT, MIT, AISCAT
    Nota: La rete ferroviaria comprende le Ferrovie dello Stato e le ferrovie regionali (ex ferrovie in concessione e in gestione governativa)
    a a partire dal 2002 la serie non comprende i dati degli ascensori di Genova
    b i dati relativi alla lunghezza di esercizio, intesa come lunghezza inclinata, sono stimati
    c i dati relativi alla rete stradale sono aggiornati al 30 giugno 2017, quelli relativi alla rete ferroviaria sono aggiornati al 31 dicembre 2017
  • Titolo: Tabella 2: Rete stradale e rete ferroviaria per regione - Indicatori di densità della rete stradale
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ISTAT e RFI - Rete ferroviaria italiana - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

    Note: a i dati sono relativi alla rete Ferrovie dello stato al 31/12/2017
    Tabella 2: Rete stradale e rete ferroviaria per regione - Indicatori di densità della rete stradale
    Regione Infrastruttura stradale (2016) Infrastruttura ferroviaria (2017)a
    Strade regionali e provinciali Altre strade di interesse nazionale Autostrade Per 10.000 autovetture circolanti Linee non elettrificate Elettrificato TOTALE
    Strade regionali e provinciali Altre strade di interesse nazionale Autostrade Linee a binario semplice Linee a binario doppio
    km
    Piemonte 12,659 698 830 43.8 2.4 2.9 552 583 760 1,895
    Valle d' Aosta 496 145 114 33.3 9.7 7.6 81 0 0 81
    Lombardia 10,450 942 708 17.4 1.6 1.2 283 596 857 1,736
    Trentino-Alto Adige 4,584 - 212 47.8 0.0 2.2 67 96 193 356
    Veneto 9,199 732 588 30.0 2.4 1.9 406 170 612 1,188
    Friuli-Venezia Giulia 3,207 189 210 41.0 2.5 2.7 84 89 299 472
    Liguria 3,188 373 375 38.3 4.5 4.5 17 143 336 496
    Emilia-Romagna 8,975 1,151 572 31.9 4.1 2.0 85 425 804 1,315
    Italia settentrionale 52,758 4,229 3,609 30.19 2.43 2.07 1,575 2,102 3,861 7,539
    Toscana 10,932 895 463 44.6 3.6 1.9 503 209 767 1,479
    Umbria 4,456 612 59 71.4 9.8 0.9 21 172 183 376
    Marche 5,058 1,256 168 50.3 12.5 1.7 118 72 195 386
    Lazio 8,600 494 497 230.0 1.5 1.3 103 251 863 1,217
    Italia centrale 29,047 3,257 1,187 37.17 4.28 1.52 745 704 2,008 3,458
    Abruzzo 5,854 984 355 68.2 11.5 4.1 206 195 123 524
    Molise 2,337 562 36 112.7 27.1 1.7 205 37 23 265
    Campania 9,213 1,312 444 27.2 4.2 1.3 240 207 647 1,094
    Puglia 9,136 1,509 313 39.8 6.6 1.4 235 164 441 840
    Basilicata 4,879 1,031 30 133.4 28.9 0.8 136 193 18 347
    Calabria 9,811 1,405 288 79.2 13.7 2.3 363 209 279 852
    Sicilia 26,184 3,531 681 81.5 12.2 2.1 578 588 203 1,369
    Sardegna 6,029 2,968 0 58.8 28.9 0.0 430 0 0 430
    Italia meridionale 73,442 13,302 2,147 58.30 11.24 1.71 2,393 1,593 1,734 5,720
    TOTALE ITALIA 155,247 13,300 6,943 40.99 5.74 1.83 4,713 4,399 7,603 16,715
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ISTAT e RFI - Rete ferroviaria italiana - Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti
    a i dati sono relativi alla rete Ferrovie dello stato al 31/12/2017
  • Titolo: Tabella 3: Dotazione e capacità delle infrastrutture portuali in Italia per Capitaneria di porto e regione al 31-12-2017
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MIT e Capitaneria di porto
    Legenda:
    Note: a sono considerati i binari collegati alla rete ferroviaria
    19,193,201
    Tabella 3: Dotazione e capacità delle infrastrutture portuali in Italia per Capitaneria di porto e regione al 31-12-2017
    Capitaneria di porto e regione Porti Accosti Superfici complessiva dei piazzali di stoccaggio Capacità complessiva serbatoi prodotti petroliferi e altri prodotti liquidi
    n. n. m (lungh. complessiva) n. (dotati di binari)a m2 m3
    Imperia 7 17 17,110 0 25,000 0
    Savona 9 74 17,680 17 860,457 805,000
    Genova 9 98 28,455 18 3,055,381 318,300
    La Spezia 8 53 6,382 8 627,572 90,000
    Liguria 33 242 69,627 43 4,568,410 1,213,300
    Marina di Carrara 1 8 1,607 2 205,000 0
    Viareggio 2 23 7,089 0 0 0
    Livorno 8 146 43,780 9 1,612,459 764,140
    Portoferraio 5 21 2,381 0 44,000 0
    Toscana 16 198 54,857 11 1,861,459 764,140
    Civitavecchia 2 38 9,087 3 728,018 130,619
    Roma 5 18 16,420 0 8,159 21,000
    Gaeta 9 39 12,831 0 187,250 0
    Lazio 16 95 38,338 3 923,427 151,619
    Napoli 9 50 15,317 4 280,004 0
    Torre del Greco 2 4 509 0 0 70
    Castellammare di Stabia 6 26 4,995 1 56,440 13,500
    Salerno 16 84 13,791 0 250,060 0
    Campania 33 164 34,612 5 586,504 13,570
    Vibo Valentia Marina 6 22 5,219 0 31,128 34,282
    Gioia Tauro 1 19 5,555 - 2,200,000 -
    Reggio Calabria 5 27 7,690 0 3,000 2,960
    Crotone 5 20 3,998 0 0 -
    Corigliano Calabro 2 11 3,323 0 13,000 0
    Calabria 19 99 25,785 0 2,247,128 37,242
    Taranto 3 38 13,131 1 127,235 0
    Gallipoli 14 69 9,976 0 7,055 0
    Brindisi 4 40 12,413 0 565,613 0
    Bari 2 22 4,947 - 104,259 -
    Molfetta 2 18 1,851 - 7,000 -
    Barletta 4 18 5,155 0 28,000 15,410
    Manfredonia 7 33 7,997 7 92,681 -
    Puglia 36 238 55,470 8 931,843 15,410
    Termoli 4 10 2,189 0 0 0
    Molise 4 10 2,189 0 0 0
    Ortona 3 15 3,732 2 100,800 0
    Pescara 3 14 3,424 0 8,968 135
    Abruzzo 6 29 7,156 2 109,768 135
    San Benedetto del Tronto 2 33 4,777 0 0 170
    Ancona 4 47 7,489 8 175,190 1,537,515
    Pesaro 2 20 4,191 0 3,140 51,000
    Marche 8 100 16,457 8 178,330 1,588,685
    Rimini 6 20 12,579 0 2,370 20,423
    Ravenna 4 52 22,380 10 1,737,322 957,702
    Emilia-Romagna 10 72 34,959 10 1,739,692 978,125
    Chioggia 2 26 2,699 0 400,000 0
    Venezia 8 172 27,674 57 2,100,000 713,756
    Veneto 10 198 30,373 57 2,500,000 713,756
    Monfalcone 5 29 7,897 8 850,000 182
    Trieste 1 81 17,889 35 915,000 242,000
    Friuli-Venezia Giulia 6 110 25,786 43 1,765,000 242,182
    Cagliari 8 56 15,657 0 819,969 4,717,294
    Olbia 14 74 14,310 1 0 51
    La Maddalena 3 15 1,119 0 3,982 0
    Porto Torres 5 47 15,754 0 120,190 0
    Oristano 1 12 2,590 0 154,000 0
    Sardegna 31 204 49,430 1 1,098,141 4,717,345
    Messina 4 23 2,511 8 101,754 140
    Catania 9 30 5,785 0 280 0
    Augusta 1 12 7,735 0 300,000 -
    Siracusa 1 23 2,679 0 0 0
    Pozzallo 4 7 5,609 0 2,500 0
    Gela 1 5 1,129 0 0 0
    Porto Empedocle 6 22 4,697 0 32,565 0
    Mazara del Vallo 1 28 780 0 51,500 355
    Trapani 10 47 8,002 0 27,500 75
    Palermo 8 43 8,203 0 136,000 18,000
    Milazzo 7 33 9,446 0 31,400 60
    Sicilia 52 273 56,576 8 683,499 18,630
    TOTALE 280 2,032 501,615 199 19,193,201 10,454,139
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MIT e Capitaneria di porto
    Nota :
    a sono considerati i binari collegati alla rete ferroviaria
  • Titolo: Tabella 4: Graduatoria dei dieci porti d'Europa per volume dei container e traffico dei passeggeri in arrivo e in partenza
    Fonte: Eurostat, Transport statistics

    Note: 1TEU=twenty Foot Equivalent Units. Il volume dei container è la capienza complessiva, indipendentemente dalla merce contenuta in essi.
    Tabella 4: Graduatoria dei dieci porti d'Europa per volume dei container e traffico dei passeggeri in arrivo e in partenza
    Porti Paesi Volume (migliaia di Teu1)
    2016 2015 2014
    Rotterdam Paesi Bassi 11,675 11,577 11,634
    Anversa Belgio 9,891 9,370 8,812
    Amburgo Germania 8,929 8,848 9,775
    Bremerhaven Germania 5,510 5,467 5,731
    Algeciras Spagna 4,762 4,516 4,555
    Valencia Spagna 4,693 4,609 4,407
    Felixstowe Regno Unito 4,016 4,043 4,072
    Gioia Tauro Italia 3,796 3,030 3,708
    Pireo Grecia 3,736 3,360 3,493
    Le Havre Francia 2,480 2,560 2,433
    Porti Paesi Passeggeri (migliaia)
    2016 2015 2014
    Dover Regno Unito 12,097 13,082 13,381
    Helsinki Finlandia 11,565 11,214 10,942
    Stoccolma Svezia 9,980 9,887 9,933
    Tallinn Estonia 9,676 9,299 9,098
    Calais Francia 9,090 9,757 10,703
    Pireo Grecia 8,038 8,169 8,136
    Helsingor Danimarca 7,526 7,644 7,634
    Helsingborg Svezia 7,514 7,670 7,656
    Paloukia Salaminas Grecia 6,639 7,050 10,612
    Perama Grecia 6,639 7,050 10,612
    Fonte: Eurostat, Transport statistics
    Nota: 1TEU=twenty Foot Equivalent Units. Il volume dei container è la capienza complessiva, indipendentemente dalla merce contenuta in essi.
    Eurostat: Ultimo aggiornamento 27/3/2018
  • Titolo: Tabella 5: Dotazione infrastrutturale e dati di traffico in alcuni scali italiani (2017)
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ENAC

    Note: Il traffico aereo commerciale (internazionale e nazionale) è effettuato per trasportare persone o cose dietro remunerazione. Comprende il trasporto aereo di linea, charter e aerotaxi. I movimenti indicano arrivi + partenze. Il numero dei passeggeri comprende i passeggeri in partenza e quelli in arrivo da uno scalo. Cargo comprende merce + posta
    Tabella 5: Dotazione infrastrutturale e dati di traffico in alcuni scali italiani (2017)
    Località dell'aeroporto Dati infrastrutturali Dati di traffico
    Area sedime Distanza da città Area parcheggio aerei Lunghezza piste Movimenti aeromobili Variazione Anno precedente Passeggeri Cargo
    ha km m2 m n. % n. t
    Bergamo Orio al Serio 300 5.0 224,400 4,462 84,554 7.9 12,230,942 125,888
    Catania Fontanarossa 210 4.5 166,000 2,435 66,156 11.7 9,027,604 6,686
    Milano Linate 385 8.0 387,000 3,043 96,467 -1.4 9,503,065 13,814
    Milano Malpensa 1,244 48.0 1,319,000 7,840 174,754 7.4 22,037,241 589,719
    Napoli Capodichino 275 5.5 200,000 2,628 66,856 21.2 8,552,223 8,643
    Palermo Punta Raisi 150 37.0 158,900 5,400 44,021 4.8 5,753,046 324
    Roma Ciampino 220 15.0 122,000 2,207 35,412 5.7 5,855,450 17,041
    Roma Fiumicino 1,605 34.0 1,328,100 14,895 294,790 -5.2 40,841,141 185,590
    Torino Caselle 292 16.0 138,000 3,300 39,725 4.7 4,165,930 417
    Venezia Tessera 331 12.0 380,600 6,080 85,324 1.1 10,282,611 52,038
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati ENAC
    Nota: Il traffico aereo commerciale (internazionale e nazionale) è effettuato per trasportare persone o cose dietro remunerazione. Comprende il trasporto aereo di linea, charter e aerotaxi. I movimenti indicano arrivi + partenze. Il numero dei passeggeri comprende i passeggeri in partenza e quelli in arrivo da uno scalo. Cargo comprende merce + posta
  • Titolo: Figura 1: Graduatoria dei primi 10 porti d 'Europa per volume dei container movimentati (2016)
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati Eurostat

    Figura 1: Graduatoria dei primi 10 porti d 'Europa per volume dei container movimentati (2016)
  • Titolo: Figura 2: Sviluppo della rete austostradale italiana
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati MIT e ISTAT

    Figura 2: Sviluppo della rete austostradale italiana
  • Titolo: Figura 3: Alta velocità nel mondo nel 2017
    Fonte: Elaborazione ISPRA su dati: UIC High Speed lines in the word (updated 3rd July 2017) e Adif per la Spagna

    Figura 3: Alta velocità nel mondo nel 2017